Ghali smentisce se stesso: ecco l'audio in cui critica Fedez

EMBED
Ieri sera Ghali, intervistato da Daria Bignardi nel suo Assedio, sul Nove, si è lamentato dell'intervista che ha rilasciato il 21 febbraio al Messaggero (titolo: "Fedez mi diceva: non farai mai nulla", pag. 27). Poco prima aveva fatto lo stesso anche sui suoi social. Ha detto che abbiamo storpiato il suo pensiero, che lui non voleva fare polemica, che anche le virgole contano. Si riferiva al passaggio in cui attacca Fedez.

Questo: Nella canzone che dà il titolo all’album dice: “Ricordo quando mi dicevano non farai mai nulla e resterai per sempre nel buio in un angolo”. Oggi come risponde?
«Con i successi. Voglio dirlo, perché è giusto che la gente lo sappia: fu proprio Fedez a dirmi quelle cose, quando eravamo in tour insieme. Io mi esibivo insieme al mio primo gruppo, i Troupe d’Elite, ma il successo tardava ad arrivare e venivamo costantemente attaccati. Fedez mi diceva: “Guarda quali sono i riscontri... Cosa potresti mai fare? Quale potrebbe essere il tuo messaggio? Cosa potresti raccontare agli italiani? Fatti odiare”».
Oggi i rapporti come sono?
«Non ci sono rapporti. Ogni tanto prova ad avvicinarsi, ma io cerco di evitarlo».
Tra di voi non sono mancate frecciatine. L’anno scorso, commentando il suo disco “Paranoia airlines”, scrisse sui social: “Che noia airlines”. Se ne è pentito?
«No. Era ciò che pensavo. Forse ho sbagliato, perché nessuno sa quanto tempo e quanta dedizione ci sia dietro un disco. Se la prossima volta farà un disco brutto, eviterò di commentarlo».

Detto questo, siccome le chiacchiere lasciano il tempo che trovano, ecco la registrazione dell'intervista che gli ha fatto Mattia Marzi. Così ognuno può farsi un'idea di come sono andate le cose. Perché va bene tutto, ma la coerenza per noi è un valore. Come la nostra professionalità e la nostra serietà. Buon ascolto.

di Andrea Scarpa

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi