Papa Francesco contro il gossip in Vaticano: «C'è gente laureata in chiacchiericcio»

Per invitare i curiali a limitarsi ha fatto anche appendere nel Palazzo Apostolico una icona che raffigura una madonna con il dito indice sulle labbra, la Madonna del Silenzio

Papa Francesco contro il gossip in Vaticano: «C'è gente laureata in chiacchiericcio»
di Franca Giansoldati
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 3 Novembre 2021, 11:12 - Ultimo aggiornamento: 4 Novembre, 17:31

Città del Vaticano – Calunnia, chiacchiericcio, maldicenza, diffamazione, gossip. Papa Francesco ha chiamato in tanti modi quella spiacevole deriva nei rapporti interpersonali basata sull'insinuazione, da sempre praticata tra le stanze curiali. Da quando è arrivato sul soglio di Pietro Bergoglio non ha lesinato autentiche lavate di capo ai monsignori e ai cardinali biasimando il fenomeno tipico delle corti pontificie. Lo ha fatto anche stamattina durante l'udienza generale benchè stavolta la riflessione sia stata inquadrata all'interno delle letture bibliche della giornata. 

Papa Francesco nel cimitero francese: «Brava gente morta nel 1944 per difendere patria, valori e ideali»

Papa Francesco contro il gossip in Vaticano

«Quanto è facile criticare gli altri, c'è gente che sembra laureata in chiacchiericcio». Il Papa ha insistito nel fare notare che chi critica dovrebbe guardare i propri difetti, ed ha sottolineato che la «correzione fraterna» deve avvenire con pazienza, mitezza e amore. San Paolo, per esempio, «dopo aver fatto sentire in modo severo la sua voce, invita i Galati a farsi carico ognuno delle difficoltà dell'altro e, se qualcuno dovesse sbagliare, a usare mitezza. Ascoltiamo le sue parole: 'Fratelli, se uno viene sorpreso in qualche colpa, voi, che avete lo Spirito, correggetelo con spirito di dolcezza. E tu vigila su te stesso, per non essere tentato anche tu. Portate i pesi gli uni degli altri'. Un atteggiamento ben differente del chiacchiericcio, chiacchierare contro do quello, spellare il prossimo... no questo non è il modo, è avere dolcezza nei confronti di fratello per correggerlo, con umiltà. In effetti, quando siamo tentati di giudicare male gli altri, come spesso avviene, dobbiamo anzitutto riflettere sulla nostra propria fragilità. Quanto facile è criticare gli altri, c'è gente che sembra di essere laureata in chiacchiericcio, tutti i giorni criticano gli altri, ma guarda te stesso!».

L'invito

Per invitare i curiali a limitare il gossip – spesso all'origine di rancori interpersonali capaci di trascinarsi per una intera esistenza – il Papa ha fatto anche appendere nel Palazzo Apostolico una icona che raffigura una madonna con il dito indice sulle labbra, la Madonna del Silenzio. Chi ha fatto conoscere al pontefice questa immagine – un frate cappuccino di Chieti, fra Emiliano Antenucci – ha raccontato che il Papa dopo avere benedetto l'icona la ha voluto collocare in Vaticano proprio per esortare a evitare pettegolezzi e maldicenze. L’immagine è posta tra i due ascensori all’ingresso principale del Palazzo Apostolico, nel cortile di San Damaso. 

E dire che uno scrittore australiano - John Cornwell - sintetizzò l'attitudine al gossip esistente oltretevere in una battuta diventata famosa: il  Vaticano? un paese di lavandaie. 

Poichè in Vaticano nulla è lineare, a complicare il quadro generale esistente, spesso è affiorata a più riprese anche l'inclinazione del Papa ad indugiare sulle indiscrezioni che gli arrivano da diverse fonti, approdando sul suo tavolo quotidianamente. Qualche volta è pure capitato, narrano i maligni, che il chiacchiericcio sia stato all'origine di decisioni papali un po' troppo frettolose e impulsive. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA