Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Perugia, per il Mercato Coperto è tutto da rifare

Perugia, per il Mercato Coperto è tutto da rifare
di Luca Benedetti
3 Minuti di Lettura
Sabato 13 Agosto 2022, 07:04

Per il Mercato Coperto si riparte da zero. Nei tempi previsti dall’ultimatum del Comune la Nuova Mercato Coperto Spa ha riposto a palazzo dei Priori. Ma stavolta, da quello che filtra informalmente, non ci sono aggiustamenti e ritocchi del piano economico finanziario e del progetto esecutivo. Stavolta c’è lo stop alla sfida. Di fatto una resa.
Troppo complesso gestire le mutate condizioni del mercato rispetto alla rigidità del bando con cui erano stati indicati i confini della gestione del vecchio mercato nel cuore della città. La Nuova Mercato Coperto, secondo i rumors, ha inviato la lettera in Comune per dire che è impossibile proseguire nell’avventura. La crisi energetica, il rialzo dei prezzi delle materie prime, l’inflazione che galoppa, qualche intoppo anche con il superbonus: tutti ostacoli insormontabili nel lasso di tempo di una gestione fissata in nove anni. È vero c’è un “più nove” che diventava scontato, ma nessuna banca darebbe garanzie su un’ipotesi di prolungamento contrattuale. E quindi la bandiera bianca del gruppo di imprenditori che si era messo in moto e aveva giocato a viso aperto la sfida, è diventata scontata. Come era stato anticipato su queste colonne nei giorni scorsi quando Il Messaggero aveva pubblicato i paletti piazzati da palazzo dei Priori per rimettere i carreggiata l’operazione. Un’altra proroga che scadeva ieri. Dieci giorni che sono serviti per maturare in maniera definitiva la decisione di fermarsi.

E adesso? Adesso, come spiegato nei giorni scorsi, la palla ripassa al Comune. Che dovrà, per forza di cose, metterla al centro del campo. Cioè fare un nuovo bando. Come? A palazzo dei Priori c’era il sentore che l’operazione della Nuova Mercato Coperto, potesse naufragare. Anche perché la commissione che stava valutando il progetto più volte ha chiesto correzione (c’è stata anche una partita da rivedere per mezzo milione di euro) e di proroga in proroga si è arrivati alla vigilia di Ferragosto. Nessuno si sbilancia, Ma è logico che il passo del nuovo bando non solo sarà decisivo, ma verrà anche riveduto e corretto tenendo conto che non solo il mercato è cambiato, ma in questi quattro anni è cambiato il mondo. E dovrebbe essere messo in pista un bando che permetterà a più imprenditori di guardare con attenzione al Mercato Coperto. Il fatto che ci sia stata una sola offerta per la gestione, indicava i dubbi degli esperti del settore rispetto alla fattibilità dell’hub agroalimentare.
Intanto, a partire da giovedì 25, inizieranno a tornare al Mercato gli operatori che per anni sono stati a piazza del Circo. Un piccolo segnale di normalità in attesa che si rigiochi la partita della gestione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA