Alla Camera di Commercio
Mario Vattani ed il suo Giappone

Giovedì 15 Ottobre 2020 di Beatrice Martelli
Mario Vattani

TERNI «Raffinatezza ed eleganza» e «spietata severità», «ordine ossessivo» e «spirito selvaggio»: sono queste le antitesi irresistibili dell’universo Giappone secondo Mario Vattani, diplomatico, appassionato della cultura dell’Estremo Oriente e scrittore. Il suo libro, «Svelare il Giappone», sarà presentato a Terni oggi pomeriggio, alle 16, presso la sala conferenze della Camera di Commercio. 
Il volume, uscito a giugno, ha da poco vinto il premio Casinò di Sanremo Antonio Semeria. Pensato in collaborazione con l’associazione Amici Fondazione Spirito De Felice, Crac Gallery e la libreria Giunti, l’incontro di oggi uole costruire un panorama «a trecentosessanta gradi», come spiega Danilo Pirro, dell’associazione Amici Fondazione Spirito De Felice: «l’evento abbraccerà scrittura, storia, ma anche economia, come testimonia il luogo scelto, in un continuo dialogo tra locale e internazionale, tra industria e cultura, ieri e oggi. 
I rapporti del Giappone con l’Italia sono stati particolarmente significativi negli anni Trenta - nel 1938 viene inaugurata la Società degli Amici del Giappone. Ma non solo: Terni ha stretto rapporti di amicizia con la città di Kobe, e sul territorio è significativa la presenza giapponese all’Alcantara, fondamentale nel nostro territorio. 
L’Alcantara è inoltre uno dei soggetti principali della Fondazione Italia Giappone, il cui presidente è Umberto Vattani, padre del nostro autore; è un soggetto, quindi, anche culturale». In mostra all’interno della sala conferenze, infine, ci sarà «Incursioni artistiche - Vanishing Counterpoint» di Valerio Belloni. 
Mario Vattani, dunque, che ha lavorato come diplomatico negli Stati Uniti, in Egitto, ma soprattutto a Tokyo, Kyoto e Osaka, dove è stato console generale, parla correntemente il giapponese e pratica il kendo; con la sua scrittura vuole trasportare il lettore verso le isole giapponesi «in un viaggio ideale che alimenta il mito senza sfatarlo», lasciandolo immergere e curiosare tra le caratteristiche di un popolo cortese ma riservatissimo, tra i gesti dei riti millenari che affondano le loro radici in un passato antichissimo, che agli occhi di un occidentale sarà sempre coperto da un velo di mistero. Tra scoperte, segreti e contraddizioni, l’obiettivo di queste pagine è quello che Mario Vattani si è prefissato: «Svelare il Giappone».
Il programma prevede dopo il saluto di Giuseppe Flamini, rappresentante della Camera di commercio, il sindaco Leonardo Latini, mentre dialogheranno con l’autore Roberta Montagna e Danilo Sergio Pirro, Amici della Fondazione Spirito De Felice e Chiara Ronchini, direttrice di Crac Gallery.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA