Il ritorno della musica d'autore live
Ad Assisi la finale del Proscenium festival

La finale 2019 del Proscenium festival
di Fabio Nucci
3 Minuti di Lettura
Sabato 16 Ottobre 2021, 13:09 - Ultimo aggiornamento: 13:17

PERUGIA Terza edizione per "ProSceniUm”, il festival della canzone d'autore Città di Assisi, concorso canoro nazionale riservato a giovani cantautori che questa sera al teatro Lyrick vivrà la finalissima della sua terza edizione. A condurre la serata, l’attore Neri Marcorè con Loredana Torresi, direttore artistico della kermesse insieme a Roberto Lipari mentre come ospiti sono attesi Marco Masini, Amara e Michele Zarrillo.

Filo conduttore, la gara canora con 12 artisti che si alterneranno sul palco, tra band e solisti, tra i quali per la prima volta figura anche un gruppo umbro, gli 11Rosso, ovvero Davide Catanossi (chitarra e voce), Fabio Morreale (batteria), Leonardo Di Lascia (basso).  Gli altri finalisti sono Arriva (Luca Ricozzi), Valentina (Valentina Cesetti), Cristiano Turrini e MariTè K (Ntumba Kabutakapua) in arrivo dal Lazio; il campano Marco Villan; i pugliesi Yami (Ylenia Mangiacotti), Halien (Pietro Peloso) e Michela Parisi; i lombardi Luciano Nardozza, Roberto Pezzini e Colombo (Alberto Travanini). Tutti gli artisti saranno accompagnati da un'orchestra ritmo sinfonica composta da 36 maestri orchestrali, condotta dal maestro Paolo Ciacci, titolare della cattedra di Strumentazione e composizione per orchestra di fiati al conservatorio "Morlacchi" di Perugia. 

A giudicare i concorrenti, una giuria di esperti formata da: Massimo Bonelli, produttore, direttore artistico del Concerto del Primo Maggio di Roma, ideatore e coordinatore di Casa SIAE al Festival di Sanremo e organizzatore del Premio Fabrizio De André; Red Ronnie, conduttore, critico musicale e giornalista; Amara, cantautrice e autrice; lo speaker di Radio Subasio, Stefano Pozzovivo; il conduttore televisivo e radiofonico, Mauro Casciari. E ancora Fra Alessandro Giacomo Brustenghi, l'avvocato Alessandro Bracci, esperto di diritto d'autore, il noto compositore e paroliere Beppe Dati.

Oltre ai tradizionali premi musicali, il ProSceniUm Festival prevede anche l'assegnazione di un premio in denaro (il "Canticum Unicredit") a un ente senza scopo di lucro che abbia diffuso, in qualsiasi modo, il messaggio francescano di amore, pace e fraternità e che per questa edizione è stato assegnato all'Istituto Serafico di Assisi. Il primo, nel 2018, fu assegnato a Leonardo Cenci e alla onlus Avanti Tutta.  

Il festival prevede anche un "dopo"  affidato al brillante imitatore perugino Antonio Mezzancella, attualmente tra i coach di Tale & Quale Show che domani dalle 17 condurrà il replay della manifestazione al Centro commerciale Collestrada. Qui i cantanti in gara riproporranno i propri brani esibendosi live sul palco allestito nella galleria della struttura ricevendo alcuni riconoscimenti: il premio "Centro commerciale Collestrada, voto giuria popolare" (assegnato dal pubblico tramite televoto, buono acquisto da 300 euro da spendere nei negozi del Centro) e di quelli di partecipazione per tutti i concorrenti (gift card del valore di 200 euro, 100 euro o 50 euro, a seconda della posizione raggiunta nella speciale classifica del premio "Centro commerciale Collestrada"). 

Il festival è ideato ed organizzato dall'associazione "ProSceniUm – Progetto Scenico Umbro" di cui fanno parte Federico Castagner, Andrea Vitali, Sabrina Sportoletti, Alessandro Bracci, Roberto Lipari e Loredana Torresi. «L'obiettivo - spiegano - è scoprire cantautori emergenti promuovendo, allo stesso tempo, il territorio umbro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA