«Frasi blasfeme» a Frosinone: Perugia, Cosmi squalificato

Martedì 18 Febbraio 2020
Serse Cosmi a Frosinone (FOTO GRIFOPRESS)
PERUGIA - Il danno e la beffa. La sconfitta di Frosinone costa a Serse Cosmi un turno di squalifica: frasi blasfeme, gli contesta il giudice sportivo, sul finire della gara. Inchiodato dalle immagini televisive, a Serse toccherà stare fermo un turno. La dimostrazione ulteriore di come a livello nervoso e di arrabbiatura possa aver vissuto la sconfitta in Ciociaria, nel vedere una squadra, la sua, troppo moscia per essere vera e incapace di reagire anche allo svantaggio.

«Il Giudice Sportivo, ricevuta dal Procuratore federale rituale segnalazione ex art. 61, comma 3 CGS (a mezzo e-mail pervenuta alle ore 13.07 del 17 febbraio 2020) in merito alla condotta dell’allenatore Serse Cosmi (Soc. Perugia) consistente nell’aver pronunciato espressioni blasfeme al 38° del secondo tempo; acquisite ed esaminate le relative immagini televisive, di piena garanzia tecnica e documentale; considerato che l’allenatore in questione è stato chiaramente inquadrato dalle riprese televisive mentre proferiva un’espressione blasfema, individuabile senza margini di ragionevole dubbio, e che, pertanto, tale comportamento, deve essere sanzionato ai sensi dell'art. 37 comma 1 lett. a), e della richiamata normativa sulla prova televisiva - si legge nel comunicato ufficiale -. Per questi motivi delibera  di sanzionare l’allenatore Serse Cosmi (Soc. Perugia) con la squalifica per una giornata effettiva di gara». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Dalla candeggina ai contagi: ecco le bufale su cani e gatti

di Marco Pasqua