Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Quarantene lontano da casa, si cercano spazi per i Covid-hotel

Quarantene lontano da casa, si cercano spazi per i Covid-hotel
2 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Agosto 2020, 08:47 - Ultimo aggiornamento: 09:30
FOLIGNO - Con un avviso di manifestazione di interesse, su mandato della Regione, l'azienda sanitaria Usl Umbria 2 ricerca camere collocate in strutture ricettive alberghiere, paralberghiere ed extra alberghiere situate nei comuni dell’intero territorio regionale per le necessità connesse all’attività di contrasto alla diffusione del Covid-19, in particolare per l'accoglienza di pazienti covid positivi asintomatici che non necessitano di assistenza ospedaliera, ma che richiedono un periodo di quarantena e non sono in grado di trascorrere tale periodo al proprio domicilio. L'indagine è stata deliberata dal commissario straordinario dell'Ausl 2 con le seguenti motivazioni: "La presenza nel territorio di un ridotto numero di soggetti positivi e di un ridotto impegno delle strutture ospedaliere rappresenta una delle condizioni poste dal Ministero della Salute per mantenere il territorio regionale in “Fase 2 A” e per consentire la ripresa di nuove attività". "Al fine di ottenere questo obiettivo - è riportato nella delibera - è necessario da un lato implementare strategie finalizzate alla precoce identificazione dei soggetti positivi ed asintomatici o paucisintomatici, dall’altro intraprendere azioni finalizzate a minimizzare la trasmissione del virus sia fra la popolazione generale sia all’interno dei nuclei familiari, in particolare quelli con soggetti fragili, che sono particolarmente esposti al rischio di evoluzione sfavorevole della malattia, con necessità di ricovero ospedaliero e trattamento intensivo". "Risulta evidente – viene ribadito - che la strategia ritenuta più efficace in questa fase è quella dell’isolamento, come evidenziato anche recentemente dall’Istituto Superiore Sanità”. La soluzione più velocemente applicabile è quella di identificare,strutture ricettive “Covid Hotel”, in grado di assicurare: condizioni idonee di sorveglianza; condizioni uniformi di ospitalità; una tariffa congrua che tenga conto del contesto emergenziale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA