Comprensorio Amerino, tutti i comuni uniti sotto il segno del cibo. Le amministrazioni cercano partner di progetto.

Lunedì 16 Novembre 2020 di Francesca Tomassini

Tutti a tavola. Gli 11 comuni dell’Amerino hanno aderito al progetto “Amerino. Azioni integrate per una strategia territoriale del cibo per il paesaggio amerino”.  "Il percorso – spiega il vice sindaco di Amelia, Andrea Nunzi - vuole mettere in sinergia una serie di azioni, servizi, strumenti ed eventi che, intorno al tema del cibo, possano riuscire a fare emergere i valori insiti nelle relazioni di prossimità, proponendo azioni sinergiche sull’identificazione dei prodotti, la costruzione di servizi comuni, la valorizzazione di luoghi ed eventi".

Facendo seguito ad un percorso pluriennale supportato dallo stimolo all’innovazione della ricerca dell’Università degli Studi di Perugia, i comuni di Amelia, Alviano, Attigliano, Avigliano Umbro, Baschi, Giove, Guardea, Lugnano in Teverina, Montecastrilli, Montecchio e Penna in Teverina hanno già  formalizzato l’interesse a definire una strategia territoriale del cibo condivisa e a cooperare in partenariato per la redazione di una proposta per l’adesione al bando regionale “Programma di Sviluppo Rurale per l’Umbria 2014/2020. Misura 16 - Sottomisura 16.7 – Tipologia di intervento 16.7.1 - Sostegno per strategie di sviluppo locale di tipo non partecipativo”.

“L’identificazione del rapporto fra prodotti, luoghi e società - sottolinea Nunzi- permette di evidenziare l’azione multifunzionale dell’agricoltura che denota le caratteristiche dei singoli paesaggi, crea luoghi e significati che definiscono la qualità della vita, riattiva relazione sociali e innesca uno sviluppo economico, tutela l’ambiente e la salute dell’uomo. Il cibo diviene allora l’elemento nodale che può permettere di far emergere le esternalità che l’attività agricola produce nel territorio, strumento fondamentale per il racconto nella società della comunicazione”.

Sui siti web istituzionali, tutti i comuni dell’Amerino hanno pubblicato una manifestazione di interesse per la costituzione di un partenariato pubblico-privato con l’obiettivo di costruire un percorso condiviso con le realtà territoriali, proiettato alla promozione delle logiche di prossimità in una visione distrettuale. Con il presente avviso si vogliono coinvolgere i privati in qualità di soggetti attivi nel partenariato pubblico-privato e in qualità di stakeholders del progetto. La proposta progettuale dovrà essere definita entro il 30 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA