CORONAVIRUS

Bonus spesa, stop alle domande
«Terminata la prima tranche»
Alcolici vietati, scattano le sanzioni

Martedì 14 Aprile 2020

«Da oggi non si dovranno più inviare gli avvisi per avere i buoni spesa. La prima fase è terminata. Indipendentemente da questo non lasceremo indietro nessuno». L'assessore al Sociale del Comune di Terni, Crisitano Ceccotti, fa il punto della situazione. «Dopo aver consegnato i primi 250 bonus - spiega - dobbiamo analizzare nel merito le domande che sono arrivate, quasi tremila». Non cambierà nulla per i commercianti che intendono accreditarsi come attività dove spendere il bonus alimentare. Inizia così una fase di valutazione che consentirà al Comune di entrare più nel dettaglio delle tremila richieste inviate. «Potremmo lavorare più velocemente ma per lasciare indietro nessuno stiamo richiamando tutte le persone che hanno compilato in maniera incompleta la domande. Sono davvero tante», prosegue l'assessore Ceccotti. Un sistema di aiuto a prova di furbetti. «Ogni singola spesa è tracciata prodotto per prodotto. Si devono acquistare solo bene di prima necessità. Perciò gli alcolici non sono consentiti», avverte l'assessore al Sociale. Esclude la possibilità che qualcuno utilizzi il buono per acquistare vino o altre bottiglie di alcolici? «A rischio e pericolo del commerciante», risponde Ceccotti che annuncia così l'avvio di un sistema di pagamento che consentirà ai negozianti di incassare quanto prima l'importo del bonus. «Con un'apposita App - spiega Ceccotti - il commerciante potrà annullare il codice a barre stampato sul ticket. Operazione che servirà per incassare virtualmente sul conto corrente l'importo del bonus, da 25 o 50 euro»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani