Assisi, applausi per Mattarella nella basilica di San Francesco. Il Presidente nel discorso alla Nazione: «Non ci arrediamo alla logica di guerra. Serve la pace, non abbiamo altro tempo»

Il presidente Mattarella ad Assisi con la figlia, la presidente Tesei e la sindaca Proietti
di Luca Benedetti
3 Minuti di Lettura
Martedì 4 Ottobre 2022, 10:16 - Ultimo aggiornamento: 21:44

ASSISI «Non ci arrendiamo alla logica di guerra. Serve  la pace». Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel discorso alla Nazione in occasione della festa di San Francesco, Patrono d'Italia. Mattarella ha ricordato come l'esempoio di San Francesco siano le radici  della identità nazionale delle pace. ha rimandato all'intervento di Papa Francesco di deci giorni fa proprio ad Assisi sull'ecologia integrale. Ha ricordato l'Europa che ha la guerra nel suo cuore, l'Europa che è stata in grado di rinascere e ricostruire dopo la Seconda Guerra Mondiale.«Abbiamo bisogno - ha detto in chiusura Mattarella-che si propaghi lo spirito di Assisi. Vogliamo essere fedeli a un futuro migliore, questo l'augurio per l'Italia  per il Mondo». L'intervento  del presidente Sergio Mattarella è stato accolto da un lungo appalsuo di chi si trovava nella Basilica Superiore

Accolto dal grido dei bambini delle scuole «Presidente, presidente» e dall'applauso di chi si trova nella Basilica Superiore di San Francesco,  il presidente della Repubblica Sergio Mattarella,a ccompagnato dalla figlia, era arrivato ad Assisi per partecipare alle celebrazioni in onore di San Francesco, patrono d'Italia. Ad accogliere il capo dello Stato sono stati il custode del Sacro Convento, fra Marco Moroni, e la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei e la sindaca di Assisi Stefania Proietti. Presente anche il presidente della Cei, il cardinale Matteo Zuppi. A due anni dalla pandemia è l'Italia intera, non una sola regione come avviene di solito, ad accendere la lampada che arde ad Assisi presso la tomba di San Francesco. A farlo è quindi il presidente Mattarella nel corso della celebrazione liturgica nella Basilica superiore. I bambini che dal prato della Basilica Superiore hanno salutato Mattarella hanno intonato anche l'Inno di Mameli. Prima di entrare inBbasilica, il Presidente  Mattarella è stato omaggiato dal suono delle chiarire del Comune di Assisi.

L'elicottero con Mattarella a bordo è atterrato alle 9,30 al campo sportivo di Santa Maria defgli Angeli poi il corteo presidenziale è salito fino alla basilica di San Francesco. Ad accogliere il presidente anche alcuni turisti arrivati da Palermo. «Stiamo ad Assisi in questi giorni, non potevamo perdere l'occasione di vedere il Presidente da vicino», hanno detto.

Il presidente della Repubblica, che ha acceso la lampada votiva  dei Comuni italiani che arde sulla tomba di San Francesco, dopo aver letto  il messaggio alla Nazione (dall'interno della Basilica Superiore), si recherà sulla tomba di San Francesco dove riceverà in regalo un casco dai vigili del fuoco. Dopo aver salutato la comunità francescano, da quello che trapela, Mattarella, si fermerà in preghiera alla basilica della Porziuncola e poi tornerà in elicottero a Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA