Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Amelia, la Comunità Incontro celebra la Giornata Mondiale contro la droga.

Amelia, la Comunità Incontro celebra la Giornata Mondiale contro la droga.
3 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 17:41 - Ultimo aggiornamento: 26 Giugno, 10:18

AMELIA Giornata Mondiale contro la droga. Quarant'anni di impegno contro le dipendenze. Una cerimonia, quella che si è svolta oggi a Molino Silla, celebrata insieme ai futuri “baschi verdi” della Guardia di Finanza e al Sottosegretario di Stato alla Difesa Onorevole Giorgio Mulè per un messaggio di vita, di legalità e contro ogni forma di dipendenza e liberalizzazione. 

Alla vigilia della ricorrenza, per la struttura terapeutica fondata da Don Gelmini è giunto anche un importante riconoscimento istituzionale: è stata infatti chiamata a far parte del tavolo tecnico sulle dipendenze, istituito nelle scorse settimane dal Sottosegretario di Stato alla Salute Andrea Costa.

Il compito sarà di proporre metodologie per verificare l’appropriatezza e la qualità dei percorsi di trattamento e riabilitazione erogati ai soggetti affetti da dipendenze.

A rappresentare la Comunità al tavolo ministeriale, sarà la dottoressa Tania Fontanella responsabile dell’Equipe multidisciplinare.

Nel corso della mattinata, si è recato a Molino Silla anche il Sottosegretario di Stato alla Difesa onorevole Giorgio Mulè. «La droga non si combatte con la droga. La Comunità incontro di Amelia – ha affermato il Sottosegretario nel corso del suo intervento - è presidio sicuro di speranza, impegno sociale, integrazione dove si respira aria buona di solidarietà. Qui ci sono persone che hanno deciso di affrontare una difficile battaglia. Concedersi una seconda possibilità è un loro diritto sacrosanto. Abbiamo il dovere di aiutarli ad affrontare questo percorso molto impegnativo».

Dai dati in possesso della Comunità Incontro, per quel che riguarda il mercato e il consumo delle droghe, arrivano segnali d'allarme.  Non solo il primo approccio alla sostanza avviene in fasce d’età sempre più giovani, ma si evidenzia un aumento dell’uso di sostanze come la cannabis, cocaina, crack, alcol e l’avvicinamento al gioco online. 

A questo proposito, uno dei momenti salienti dell'incontro è stato l'intervento del responsabile della Struttura, Giampaolo Nicolasi e della dottoressa Tania Fontanella che hanno spiegato agli futuri baschi versi l’approccio più corretto da avere verso le vittime di sostanze stupefacenti, trattando argomenti come la gestione dell’emergenza e le relative strategie per affrontarla nonchè aspetti legati alla prima accoglienza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA