C'è posta per te, Mara Venier consola la famiglia di Giada, morta a 22 anni

Domenica 19 Gennaio 2020
C'è posta per te: Mara Venier consola la famiglia di Giada, morta a 22 anni

Mara Venier nella tana della... concorrenza. La storica conduttrice televisiva della Rai, infatti, ieri sera è stata ospite di Maria De Filippi a C'è posta per te per una buona causa: quella di dedicare un pensiero e infondere molta forza nella famiglia di Giada, una ragazza deceduta ad appena 22 anni in un incidente stradale.

C'è Posta per te, Can Yaman da Maria De Filippi ma qualcosa va storto durante la sorpresa


A chiedere la presenza di Mara Venier è stato Milo, un ragazzo che aveva conosciuto Giada in età adolescenziale e che da lei aveva avuto una bambina, Beatrice, che oggi ha due anni e mezzo. Alla famiglia di Giada, Milo ha voluto esprimere un grande ringraziamento: «Mi avete accolto tra di voi come un figlio e ora che Giada non c'è più, siete voi la mia famiglia. Vi voglio un mondo di bene, voglio ringraziarvi per tutto quello che fate per me e per la piccola. Senza di voi non ce l'avrei mai fatta».
 


Mara Venier, ospite d'eccezione in studio, prima osserva una clip a lei dedicata e poi si rivolge così alla rivale e amica Maria De Filippi: «Tu mi fai sempre o molto incazzare, o molto ridere o, come in questo caso, molto piangere». Alla famiglia di Giada viene recapitato un bellissimo regalo: una crociera. Mara Venier, parlando con la famiglia della ragazza, spiega: «La vita, a volte, ti porta improvvisamente a dover accettare dolori enormi. Il vostro è un dolore inaccettabile ma siete una famiglia meravigliosa, piena di dignità e forza. La vostra forza è proprio Beatrice. Io ho perso mia madre, che era il senso della mia vita. Quando lei se n'è andata, per me era finita, non avevo più voglia di vivere. Volevo andare dove era lei, poi la vita mi ha dato un nipotino. Mi è tornato il sorriso e la voglia di affrontare la vita, dovete trovare la forza in Beatrice».

Ultimo aggiornamento: 10:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua