Facebook, una chat room per sfidare Clubhouse (e anche Twitter si getta nella mischia)

Facebook, una chat room per sfidare Clubhouse (e anche Twitter si getta nella mischia)
3 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Febbraio 2021, 16:04

Facebook sta sviluppando una audio chat per combattere la concorrenza di Clubhouse. Lo sostiene il New York Times, in una corrispondenza da San Francisco, in cui si sottolinea che il social network ha la tendenza di clonare le idee vincenti. 

Il giornale americano cita due fonti interne a Facebook, protette dall'anonimato, le quali sottolineano che l’azienda di Mark Zuckerberg vuole espandere i suoi metodi di comunicazione. Clubhouse sta acquistano importanti fette di mercato nel campo delle chat room virtuali in formato audio, suddivise per tematiche di vario interesse. Lo stesso Zuckerberg, secondo quanto appreso dal New York Times, sarebbe interessato a un prodotto simile, e ha ordinato a un gruppo di lavoro - votato alla segretezza - di mettere a punto un progetto. La nuova app sarebbe nelle prime fasi di sviluppo, e anche il suo nome sarebbe soltanto provvisorio.

«Mettiamo in connessione persone con tecnologie audio e video da molti anni, e esploriamo sempre nuovi mezzi per migliorare l’esperienza degli utenti», ha detto al giornale una portavoce di Facebook, Emilie Haskell.

Clubhouse, disponibile una funzione «anti troll». E Facebook pensa a un 'clone'

Facebook in passato si è inserita in importanti tendenze della tecnologia, per attrarre utenti. Per esempio, ha acquisito Instagram e WhatsApp, e la compagnia di realtà virtuale Oculus, quando erano ancora al livello di start-up, perché ne avevano intuito l’enorme potenziale. 

Spesso, sottolinea il giornale newyorchese, il social network ha “clonato” i suoi avversari: «Instagram ha copiato nel 2016 una delle caratteristiche tipiche del rivale Snapchat, le Stories. Poi è stato introdotto anche Reels, un prodotto simile a Tik-Tok».  Inoltre, quando è stato lanciato Zoom, Facebook ha creato Rooms, un servizio di video chat. All’inizio di quest’anno, il social network ha anche cominciato a sviluppare un prodotto rivale di Substack, un servizio di newsletter molto popolare.  Il New Product Experimentation team di Facebook ha lavorato anche ad applicazioni di podcast, viaggi, musica. 

Anche altre aziende stanno tentando la strada delle chat room, per competere con Clubhouse. Twitter, per esempio, sta lavorando a un servizio chiamato Spaces, ancora in fase di sperimentazione, che offre simili funzioni audio.

Clubhouse è stato fondato da Paul Davison e Rohan Seth. La app è ancora alla fase iniziale di sviluppo, ed è un servizio che funziona solo con iPhone, e su invito di altri utenti. L’isolamento dovuto alla pandemia ha creato la condizione ideale per il suo successo - la app viene utilizzata anche da star come Drake, Elon Musk, Jared Leto - e attualmente si parla di due milioni di utenti settimanali abituali. Da cento milioni di valore iniziale, l’anno scorso, Clubhouse è diventato un “unicorno” - come vengono chiamate le startup di successo - e ora viene valutata circa un miliardo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA