Wimbledon, Federer strapazza Lorenzi, Bolelli e Giorgi volano al secondo turno. Fuori Errani, Vinci e Knapp

Camila Giorgi
di Antonio De Florio
3 Minuti di Lettura
Martedì 24 Giugno 2014, 12:00 - Ultimo aggiornamento: 25 Giugno, 12:10

WIMBLEDON – Simone Bolelli è il terzo italiano che approda al secondo turno, dopo tre ore di corpo a corpo con il giapponese Tatsuma Ito (7-5, 7-6, 3-6, 7-6), dove la differenza l'ha fatta il servizio con 20 ace del bolognese. I vincenti sono 46 rispetto ai 34 di Ito e dimostrano che Simone ha praticamente guidato il match con il suo splendido rovescio a una mano e con un dritto molto più veloce di quello dell'avversario. Camila Giorgi è la quarta ad aver tagliato il traguardo: ha battuto per 6-1, 7-6(5) la romena Cadantu.

Sara Errani, dal match point mancato lunedì alla sconfitta di martedì con la francese Garcia, dopo l'interruzione per pioggia. Sara ha perso 6-2, 7-6, 7-5, dopo una parziale rimonta nel terzo set.

E anche Paolino Lorenzi è fuori. Tra gli applausi del Court 1. Dinanzi al sette volte campione di Wimbledon Roger Federer non c'era storia, ma il senese è stato apprezzato per la sua generosità. Ha resistito per un'ora e 31 minuti (6-1, 6-1, 6-3) senza chiudersi a fondo campo, ma affrontando coraggiosamente la rete. Ha annullato 4 match point al campione e anche lui ha meritato la sua dose di applausi.

Karen Knapp è la prima delle italiane ad uscire dopo una maratona di quasi tre ore di gioco con la ceca Karoline Pliskova (7-6, 4-6 , 10-8 ). Avrebbe potuto chiudere molto prima, vincendo – aveva raggiunto il 5-2 nel terzo set – ma la giovane avversaria è riuscita a recuperare volta per volta fino a tascinare l’altoatesina trapiantata ad Anzio al 18° game, chiudendo al secondo match point.

Francesca Schiavone ha frontreggiato l’ostacolo più difficile, la serba Ana Ivanovic con cui ha perso 7-6, 6-4. Roberta Vinci invece ha ceduto al terzo set con la croata Vekic (89 nella classifica mondiale): 6-4, 4-6,64.

Degli undici azzurri approdati sui campi di Church Road, 7 hanno già fatto le valigie mentre Bolelli, Giorgi e la coppia Pennetta Fognini sono passati al secondo turno con qualche stonatura di troppo per il maschietto ligure. Fabio incontrerà il tedesco qualificato Puetz (N.219 Atp), Flavia l'americana Lauren Davis.

Fabio Fognini è fatto così. Per due set nella prima giornata offre il peggio di sé con il suo repertorio di racchette lanciate, bestemmie, insulti ai giudici di sedia e di linea, corna all’avversario ,con tanto di penalty point. Poi risorge, compie autentici miracoli, a rete ricama punti con incredibili stop volley, serve da Dio e porta a casa una partita contro l’ucraino naturalizzato americano Alex Kutzetsov al quinto set (2-6, 1-6, 6-4,6 1, 9 -7), tra gli appluasi del pubblico del court 18 di Wimbledon. Ora lui e Flavia Pennetta, che ha battuto senza patemi la giovane slovacca Jana Cepelova con un secco 6-2, 6-3, tornano ad essere la coppia più amata del tennis italiano, dopo che sull’erba di Wimbledon sono scivolati al primo turno Seppi e Volandri con avversari piuttosto modesti. Andreas è stato liquidato dall’argentino Leonardo Mayer (3-6, 6-2, 6-4, 7-6, 6-4) mentre Filippo è stato eliminato dal francese Eduard Roger Vasselin con un 7-6, 6-2, 6-4.

© RIPRODUZIONE RISERVATA