Xhaka, i tifosi dell’Arsenal si dividono sulla cessione. La Roma accelera: lo vuole prima dell’Europeo

Xhaka, i tifosi dell’Arsenal si dividono sulla cessione. La Roma accelera: lo vuole prima dell’Europeo
di Gianluca Lengua
3 Minuti di Lettura

Granit Xhaka si avvicina alla Roma: dall’Inghilterra assicurano che la firma potrebbe arrivare entro la prima partita della Svizzera all’Europeo (il 12 giugno contro il Galles). Tiago Pinto ci sta provando ed è a lavoro per portare a Mourinho il centrocampista richiesto, le sue caratteristiche sono note: fisicità, leadership e dribbling. Un giocatore che ha affascinato da tempo lo Special One e che sarebbe perfetto da affiancare a Veretout.

Arsenal e Roma, però, ancora non hanno raggiunto l’accordo economico (15 milioni l’offerta, 25 la richiesta) e su Twitter i tifosi dei Gunners si stanno scatenando: da una parte il partito di chi festeggerebbe la cessione del mediano di origini albanesi, dall’altra chi non vorrebbe mai vederlo partire. «È stato uno dei principali responsabili del noioso e lento gioco dell’Arsenal. La dimostrazione è che da quando c’è lui non ci siamo mai qualificati tra le prime quattro», effettivamente dalla stagione 2016-17 l’Arsenal è arrivato due volte sesto, una quinto e due ottavo.

Ma c’è anche chi non ha nessuna intenzione di vederlo in un altro club: «È stato il nostro miglior giocatore in questa stagione e abbiamo perso la maggior parte di partite quando Xhaka non giocava titolare. Perché un club dovrebbe vendere il suo migliore?». Domanda alla quale risponde, anche se non direttamente, un altro tifoso: «Se Xhaka fosse un giocatore così bravo come dicono molti tifosi dell’Arsenal, perché a 28 anni con 161 presenze in Premier League all’attivo ha un valore di mercato inferiore a 30 milioni? Il valore di mercato riflette le capacità».

E a proposito di valore di mercato, a prendere il suo posto dovrebbe essere Ruben Neves: «Solo 20 milioni per Xhaka? Siamo matti? Almeno 30. Stiamo cercando di ottenere Neves per 35 e vendiamo Xhaka per 20?». Al centro delle polemiche anche il duro scontro tra il centrocampista e i tifosi Gunners che gli è costato nel 2019 la fascia di capitano: «Era un leader quando si è strappato la fascia al braccio e ha mandato a quel paese tutti i tifosi allo stadio senza scusarsi? Uno dei peggiori centrocampisti che abbia mai visto giocare per l'Arsenal».

Martedì 8 Giugno 2021, 13:10 - Ultimo aggiornamento: 13:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA