Serie B, Benevento vince nel recupero e sale al primo posto, Entella e Spezia rimontate. Goleada Ascoli

Sabato 21 Settembre 2019 di ​Vanni Zagnoli
Allo scadere, il Benevento raggiunge in testa alla serie B l’Entella, al primo gol subito. Il Perugia pareggia allo scadere, a La Spezia. Cinquina dell’Ascoli a Castellammare, successi anche per Empoli, Cremonese e Livorno.

La classifica: Entella e Benevento 10; Ascoli 9, Empoli e Perugia 8, Pisa e Pescara 7; Salernitana, Pordenone e Cremonese 6, Crotone 5, Chievo, Spezia, Venezia e Frosinone 4; Livorno e Cittadella 3; Cosenza e Juve Stabia 1, Trapani 0.

Benevento-Cosenza 1-0: 48’ st Armenteros. 

Superiorità della squadra di Pippo Inzaghi, Piero Braglia è alla terza sconfitta in sequenza. Resiste, alle occasioni per Improta e Coda. Gran parata di Manfredini nel secondo tempo sul calabrese Monaco, poi è Coda a essere pericoloso per i sanniti. Che passano allo scadere su cross dalla sinistra di Viola, la difesa cosentina è fuori posizione. Inzaghi esulta con il ds Pasquale Foggia, a Benevento si prende le soddisfazioni mancate a Bologna. E’ festa allo stadio Santa Colomba.

Pescara-Entella 1-1: 32’ Schenetti (E), 28’ st Memushaj.

La Virtus resiste senza rischiare e colpisce con l’azione di De Luca, Fiorillo respinge e Schenetti infila di precisione, rispetto agli anni di Cittadella è migliorato come precisione offensiva. Il pareggio è su punizione, Contini sbatte contro il palo, si riprenderà. Espulso l’abruzzese Cisco nel recupero.

Empoli-Cittadella 1-0: 4’ La Gumina rig.

Lancio di Frattesi sulla destra per Veseli, che scende e viene affrontato in area, è un intervento ingenuo di Branca, che porta alla terza sconfitta in 4 gare per i padovani. La squadra di Bucchi avvicina il raddoppio con il palo di Stulac, segna Dezi ma in fuorigioco. Palo anche di Diaw, per il Cittadella, pericoloso pure alla ripresa, con Celar.

Juve Stabia-Ascoli 1-5: st 2’ e 11’ Da Cruz, 16’ Cissè (J), 33’ Chajia, 37’ Ardemagni rig., 45’ Pucino.

Un tempo a testa, il grande arrembare napoletano del primo porta a nulla. Canotto è il protagonista del primo tempo, assieme a Leali, al debutto nella porta marchigiana e salvato dal palo sulla ribattuta dell’esterno. Padoin fa autopalo sul coast to coast di Cissè. Al primo affondo vero il vantaggio della squadra di Paolo Zanetti, diagonale di Alessio Da Cruz. Che va in assolo sulla destra e raddoppia. Palo di Ninkovic da fuori, per l’Ascoli. Accorcia Cissè, tenuto in gioco dal tocco di Gerbo. Pareggia Vitiello ma il gol è annullato. Anche un palo di Forte. Chiudono la fuga di Chajia, che infila Branduani sul primo palo, e l’entrata di Germoni su Ardemagni. Infine la punizione di Pucino, 8° marcatore stagionale dell’Ascoli. Sinora la Juve Stabia ha raccolto meno di quanto meritasse. Espulso nel recupero Calvano, fra i napoletani.

Cremonese-Crotone 2-1: 22’ Ceravolo (Cre), 28’ Zanellato (Cro), 43’ Palombi (Cre).

Ceravolo in serie B fa la differenza, sblocca il match, pareggia Zanellato, imbeccato da Barberis. Risolve Palombi, che elude il fuorigioco, si libera di due avversari e infila. Solo nel finale entra Daniel Ciofani, che Rastelli aveva escluso a sorpresa. Meritato il successo della Cremo, che riscatta il rovescio di Pisa.

Livorno-Pordenone 2-1: 21’ Agazzi, st 10’ Strizzolo (P), 23’ Marras.

Dura 290’ l'attesa per il primo gol amaranto, arriva con l’aggiramento e destro di Agazzi. Il pareggio su cross dalla sinistra, è di Strizzolo, una sicurezza per la serie B. Risolve la prima rete cadetta di Marras servito da sinistra, la scorsa stagione era eccellente per gli assist. Più occasioni per la formazione di Breda, Zima comunque evita il pari nel finale. I ramarri in trasferta non fanno punti.

Spezia-Perugia 2-2: 6’ Buonaiuto (P), 22’ Capradossi (S), 30’ Ricci rig (S), 45’ Iemmello (P).

Il vantaggio esterno è su lancio lungo di Carraro per Buonaiuto, aggancio sul filo del fuorigioco e gol. Falcinelli e Kouan partono bene, poi salgono i liguri. Il pari: destro di Bartolomei, respinta di Vicario, riprende Capradossi che al secondo tentativo insacca. Il sorpasso è il tocco di mano di Dragomir sul tiro di Matteo Ricci, che dal dischetto realizza e nel secondo tempo ha un’altra chance. Pareggia Iemmello allo scadere, da ex era stato beccato per tutta la partita, si gira bene in area con il destro e risponde alle provocazioni della curva Ferrovia. Più possesso palla per gli umbri.

Chievo-Pisa 2-2: 18’ Marconi (P); st 11’ Marconi, 29’ Segre, 33’ Dickmann.

I toscani avanzano con la doppietta di Marconi, capocannoniere con 5 reti, i veronesi confermano i problemi al ritorno in serie B, comunque sono al 3° risultato utile in sequenza. L’avvio è gialloblù, con Vignato e Obi. Il Pisa aggredisce in fase di non possesso, fatica per un quarto d’ora e poi avanza. Belli crossa da destra, scavalca Semper e Marconi anticipa Dickmann. Meggiorini impegna Gori, uscirà nell’intervallo per Rodriguez; la difesa nerazzurra è quasi sulla linea del centrocampo. Segre esalta il portiere toscano, il tecnico D’Angelo perde Lisi per infortunio e leva Siega, è premiato dal raddoppio su cross di Belli, con lo stacco perfetto di Marconi. La reazione è con l’assist di Vignato per Segre, il pari grazie al rimpallo vinto da Dickmann su Marin, il sinistro è preciso. Il forcing finale non porta i 3 punti al Chievo.





  Ultimo aggiornamento: 21:44


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma