Defrel e Quagliarella colorano il derby di blucerchiato

Domenica 14 Aprile 2019 di Marco Callai
Defrel e Quagliarella regalano alla Sampdoria il derby numero 118. I gol del 2-0 arrivano in apertura di entrambi i tempi: sul rigore concesso nella ripresa da Calvarese, c’è anche l’espulsione di Biraschi che agevola, oltre modo, il compito di Giampaolo. Il Genoa, in 10 negli ultimi 40 minuti, paga le enormi difficoltà di costruzione e finalizzazione in fase offensiva. Per Prandelli c’è la necessità di intervenire immediatamente sul morale dei suoi per evitare pericolosi contraccolpi in chiave salvezza. Tre punti d’oro per la Sampdoria anche la strada per l’Europa resta in salita. Per Giampaolo, in 6 derby, 4 vittorie e 2 pareggi.

LA PARTITA Giampaolo torna ad affidare la cabina di regia a Ekdal. Ramirez e Defrel vincono i rispettivi ballottaggi con Saponara e Gabbiadini per un posto sulla trequarti e in attacco. Prandelli ritrova Romero, dopo la squalifica, per la difesa e punta, in attacco, sulla coppia Pandev-Kouamè.
Altro che pretattica e partita a scacchi. L’avvio è scoppiettante, inusuale per un derby. Non passa neanche un minuto e un tiro a giro di Kouamè si esaurisce di un soffio alla destra di Audero. Ribaltamento di fronte e Linetty, decentrato, chiama all’intervento Radu. La difesa del Genoa non mostra la necessaria attenzione sull’azione successiva. Quagliarella affonda sulla destra e apparecchia per l’1-0 di Defrel, lesto nell’anticipare Biraschi. Samp avanti con il minimo sforzo dopo 2 minuti e mezzo e vicina al raddoppio con una velenosa punizione di Ramirez respinta da Radu.

Il Genoa pressa alto i portatori di palla, attacca in particolare i difensori con la speranza di indurli in errore. La Samp attende e, con maggior velocità, riparte. Al 28’, da sinistra, un cross di Murru attraversa l’area e Praet, al volo da destra, colpisce l’esterno della rete. Al 35’ un’invenzione di Quagliarella mette fuori causa Radu ma il tocco è troppo debole e Biraschi, quasi sulla linea, può salvare. Il Genoa reagisce con una staffilata di Veloso,  respinta da Audero non senza preoccupazione.

Un nuovo episodio chiave arriva al 51’. Defrel si inserisce in area, punta Biraschi e prova ad aggirarlo ma il difensore del Genoa intercetta la sfera con la mano. Per Calvarese, non è solo rigore ma anche chiara occasione da rete con conseguente espulsione. Quagliarella, imperturbabile, spiazza Radu. Il Genoa reagisce con la forza della disperazione, la Samp si appella alla tranquillità del consueto giro palla.  Al 64’ Romero evita il 3-0 su un tiro a botta sicura di Jankto al termine di una bel movimento di squadra. L’unico reale pericolo corso da Audero, al 71’, su un flipper scaturito da un corner e conseguente rischio di autorete di Andersen. Il finale è d’accademia con poche emozioni prima dell’inizio della festa della Sampdoria.

LEGGI LA CRONACA Ultimo aggiornamento: 17:47


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Davide si è inventato un lavoro: proteggere i gatti sui balconi di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma