Il Salisburgo mette paura al Napoli
Azzuri ko per 3-1 ma passano agli ottavi

Giovedì 14 Marzo 2019 di Pasquale Tina

Il Napoli si inchina alla legge della Red Bull Arena ma può sorridere lo stesso: la sconfitta per 3-1 contro il Salisburgo premia la squadra di Ancelotti che – dopo il 3-0 dell’andata – si qualifica ai quarti di finale di Europa League, in programma l’11 e il 18 aprile. Decisivo, dunque, il gol di Milik che spiana la strada agli azzurri. Il Salisburgo vince la partita, ma non ribalta il doppio confronto.

INSIGNE FUORI NEL RISCALDAMENTO
La sorpresa di formazione per il Napoli arriva in extremis. Lorenzo Insigne si ferma durante il riscaldamento per un fastidio muscolare e al suo posto gioca Mertens. L’iniziativa è naturalmente del Salisburgo, ma gli azzurri sono attenti. L’intento è semplice: bisogna superare il primo pressing e poi creare un’azione offensiva. L’atteggiamento della squadra di Ancelotti è quello giusto. Niente calcoli e manovra propositiva. Fabian è molto attento in fase di impostazione, Zielinski e Callejon si allargano sugli esterni. Mertens è attento alle spalle di Milik. Il vantaggio arriva al 14’: il merito è di Mario Rui. Ruba palla a Mwepu, scambia con Zielinski e crossa al centro. Ulmer respinge goffamente su Onguené, Milik sfrutta il rimpallo e in sforbiciata firma l’1-0 che avvicina la qualificazione.  Il vantaggio forse fa rilassare inconsciamente il Napoli: Ancelotti chiede ai suoi di non abbassarsi. Il Salisburgo ci crede e trova l’1-1 al 25’: Allan perde un pallone clamoroso in mediana, il talento Szoboszlai ne approfitta e serve Dabbur. Il bomber mette a sedere Chiriches e firma l’1-1. La reazione del Napoli è immediata: Mertens serve Milik in area che non riesce a controllare per una deviazione, poi ci pensa Fabian, ma la conclusione dello spagnolo si stampa sul palo. Il Salisburgo si rende pericoloso poco prima dell’intervallo con la girata di Minamino.

IL SALISBURGO ATTACCA
Il Napoli prova a gestire il risultato nella ripresa ma deve fare i conti con un Salisburgo che ha poco da perdere. Rose inserisce pure Gulbrandsen per tentare la rimonta: l’attaccante che norvegese è decisivo al 20’. E’ bravo a deviare il cross di Ulmer per il 2-1. La Red Bull Arena si riaccende nel finale. Il Napoli torna concentrato e gioca con maggiore determinazione. Mertens ha una buona chance ma calcia alto. Ancelotti fa il primo cambio alla mezz’ora e rinforza il centrocampo: esce Zielinski per Diawara. Il Salisburgo, dal canto suo, non molla ed è Minamino ad impegnare Meret al 30’. Il Napoli perde anche Chiriches per infortunio e l’esigenza difensiva è totale per le squalifiche di Maksimovic e Koulibaly: tocca ad Hysaj, dunque, spostarsi accanto a Luperto con Malcuit sulla fascia destra. Il palo di Dabbur è il segnale di una partita ancora viva. Leitgeb trova il 3-1 in pieno recupero, ma festeggia il Napoli.

LEGGI LA CRONACA

 

Ultimo aggiornamento: 21:07


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze studio all’estero: «Ciaone» e zero contatti

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma