L'Italia pronta a sfidare San Marino: il test vale per il presente e per il futuro

Martedì 30 Maggio 2017 di Ugo Trani
dal nostro inviato
FIRENZE Il debutto della Sperimentale, nazionale che manca dai tempi di Bearzot (fine anni Settanta), è a Empoli contro il San Marino (domani, ore 21.30, diretta tv su Raiuno), avversario modestissimo che è al 204° posto del ranking Fifa e che schiera solo un professionista (il portiere Benedettini del Novara). Ventura, però, non guarda a chi avrà di fronte a Empoli, ma a come si comporteranno i giovani da inserire, magari già per il mondiale in Russia, nel gruppo azzurro. Il test, con il 4-2-4 che tanto piace al ct anche per l'abbondanza di esterni, vale però anche per il presente. Conti e D'Ambrosio sono gli unici terzini che gli sono rimasti a disposizione.

Out Florenzi, De Sciglio, Zappacosta e anche Emerson, con Darmian bloccato in Inghilterra fino al 5 giugno da Mourinho, rischiano di essere pure quelli su cui contare per le gare contro l'Uruguay (amichevole) il 7giugno a Nizza e soprattutto contro il Liechtenstein (qualificazioni mondiali) l'11giugno a Udine. L'emergenza in difesa, ampliata dal forfait di Ceccherini che non potrà partecipare alla verifica contro San Marino.

Coinvolge anche Romagnoli (sofferenza meniscale): Caldara, in questo senso, è il centrale sotto osservazione. Assenze pesanti pure a centrocampo, con la Nazionale A che non potrà contare su Parolo e Bonaventura. Ecco che le coppie Gagliardini-Baselli e Cataldi-Pellegrini saranno seguite con la massima attenzione al Castellani: si divideranno la partita, cercando di andare incontro alle esigenze di Ventura. Che schiererà questa formazione: Scuffet; Conti, Caldara, G.Ferrari, D'Ambrosio; Gagliardini, Baselli; Berardi, Petagna, Lapadula, Chiesa. Saranno sei i cambi, con Politano che, tra i più in forma anche negli addestramenti di questi giorni a Coverciano, avrà spazio sicuramente nella ripresa.   © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

"La signora che non può mangiare la ricotta perché..."

di Pietro Piovani