Fiorentina, Pioli: «L'Europa? Facciamo un passo alla volta»

Fiorentina, Pioli: «L'Europa? Facciamo un passo alla volta»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 9 Aprile 2018, 10:24 - Ultimo aggiornamento: 20:03

«Sette partite alla fine sono tante e passare da un momento negativo ad uno positivo o viceversa è un attimo. Ora pensiamo un turno alla volta. Ci aspettano tre incontri difficili, a cominciare da quello con la Spal. Dobbiamo arrivare al 20 maggio con la consapevolezza di aver dato il massimo». Stefano Pioli, ospite di 'Radio anch'io Sport', ha parlato dello splendido momento che sta vivendo la Fiorentina, arrivata a sei successi di fila con la vittoria sul campo della Roma, sospinta anche dal ricordo di Davide Astori, «tra i primi a credere nel nuovo percorso stabilito dalla società, con grande disponibilità ed impegno per aiutare i compagni». «Fin dall'inizio del campionato c'erano sei formazioni assolutamente più forti - ha aggiunto Pioli - e sono quelle che ora occupano i primi sei posti della classifica. Poi c'era un gruppetto, al quale non appartenevamo, con formazioni come Atalanta e Sampdoria. Noi si ripartiva quasi da zero, dopo un rinnovamento praticamente totale. L'obiettivo era e resta costruire per le prossime stagioni. Ora cerchiamo di portare a casa il massimo possibile ed io credo molto in questo gruppo»

«Il Var credo sia uno strumento che può aiutare. Nelle direzioni arbitrali vedo più tranquillità e credo che questo possa aiutare tutti, poi è chiaro che si tratta di una situazione nuova che può essere migliorata ma vedo delle buone cose». È il giudizio positivo sulla video assistant referee espresso dal tecnico della Fiorentina, Stefano Pioli, ospite di 'Radio anch'io Sport' su Rai Radio 1. «È una situazione completamente nuova, per noi e soprattutto per gli arbitri, è normale un periodo di adattamento. Vedo negli arbitri la volontà di andare avanti e di essere sempre più attenti a tutte le situazioni. C'è un approccio alla gara più sereno, se si fa un errore grave si può sopperire con l'aiuto tecnologico», conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA