E' il Cittadella la prima finalista del play off: 3-0 a Benevento. Insigne non basta

Sabato 25 Maggio 2019 di ​Vanni Zagnoli
1
Il Cittadella è la prima finalista dei playoff di B. Alla quarta partecipazione alla fase post-campionato, la squadra di Venturato ha dato prova di forza, dopo l’1-2 in rimonta subito al Tombolato. E' così arrivato il secco 3-0 al Benevento, rifilato ai giallorossi sul loro campo, il che ha valore doppio.

Una bella impresa per Roberto Venturato, nato in Australia, che faceva il centrocampista, in Veneto e nella Cremonese, segnando anche, 7 gol nel Giorgione, la squadra di Castelfranco Veneto in cui è cresciuto Guidolin. Dava spettacolo in C con il Pizzighettone, per 5 anni, meno alla Cremonese, poi alla Pergolettese, al Piacenza, di nuovo a Pergoletto, salito ora da una storica C. Nel 2015 il quadriennio memorabile con il Cittadella, promozione in B e sempre ai playoff, anche meglio di Claudio Foscarini, molto meglio del giovane Bucchi, realmente convincente solo a Perugia, nelle due categorie principali.

LA PARTITA

Il Benevento inizia bene, con Roberto Insigne persino più brano di Lorenzo, ai livelli di Latina, anzi forse alla migliore stagione in carriera. Viola segna una punizione eccellente, annullata per una spinta in area, piacciono anche Letizia e il cannoniere Coda. Paleari sembra l’omonimo della Pro Cavese anni ’80, è strepitoso nella respinta sul tiro ravvicinato di Ricci. Scatta il contropiede padovano con Diaw, Montipò in uscita liscia il pallone e l'attaccante insacca nella porta sguarnita: il portiere sannita è generalmente fra i migliori. Siega calcia sul palo, il raddoppio arriva all’intervallo con Panico, la conclusione beffa Montipò, con deviazione di Viola. 

Entra Improta per Ricci, Bucchi vira sul 4-3-3. Il Citta la chiude al 9’, diagonale da sinistra di Branca, altro da serie A, Moncini devia con il tacco, è il migliore del girone di ritorno. Il Citta non può prendere due gol in mezz’ora, il Benevento esce con merito. Con Baroni si aggiudicò i playoff, ne aveva persi 5 in 6 anni, in serie C1, adesso esce, aveva la squadra di terzo posto, neanche la retrocessione del Palermo basta. Chissà se la finale sarà tra Cittadella e il trevigiano Bepi Pillon. Il calcio è sempre molto a nordest.

Il resto è il quarto annullato a Iori, fuorigioco evidenziato dal Var, su iniziativa di Branca, e niente grandi occasioni per il Benevento. I 7’ di recupero non cambiano il verdetto allo stadio Santa Colomba.










 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma