AS ROMA

Covid, De Rossi ricoverato per precauzione allo Spallanzani dopo il focolaio in Nazionale: condizioni «discrete»

Venerdì 9 Aprile 2021
Covid, De Rossi ricoverato allo Spallanzani dopo il focolaio in Nazionale

Daniele De Rossi è ricoverato allo Spallanzani, l'ospedale romano all'avanguardia nelle cure del Covid e delle infezioni polmonari. È la conseguenza del virus che lo ha colpito nell'ambito del cluster in seno alla Nazionale impegnata a fine marzo nei primi match delle qualificazioni ai mondiali 2022. Un focolaio azzurro scatenato prima dalla positività di diversi membri dello staff, fra i quali appunto il neo-assistente del ct Roberto Mancini ed ex campione del mondo e capitano della Roma. Il cluster conta al momento anche otto: Cragno, Sirigu, Bonucci, Florenzi, Verratti, Pessina, Bernardeschi e Grifo. De Rossi era risultato positivo il 31 marzo, la sera di Lituania-Italia, assieme ad altri due componenti del gruppo.

I tre lo avevano saputo durante la cena, ed erano quindi rientrati il giorno dopo in Italia con un volo speciale, separati dal resto della comitiva azzurra. Da subito l'ex 'Capitan Futuro' aveva riscontrato qualche sintomo e si curava a domicilio e in isolamento nella sua casa nel centro di Roma. Ieri però ha deciso di sottoporsi a una Tac presso l'ospedale San Camillo, dopo la quale i medici gli hanno consigliato il ricovero in via precauzionale.

Covid Lazio, bollettino oggi 9 aprile 2021: 1.363 nuovi casi (600 a Roma), 47 i morti

Covid, bollettino oggi 9 aprile in Italia: 18.938 positivi e 718 morti (mai così tanti nel 2021). Tasso positività al 5,2%

 

Quando De Rossi ha preso il Covid

E così è stato all'istituto per le malattie infettive di Roma: De Rossi ha la polmonite, ma le sue condizioni sono giudicate «discrete» e non desterebbero quindi preoccupazione. Al momento però non è stata fissata una data per la sua dimissione, perché la sua situazione verrà valutata giorno dopo giorno. Prima di De Rossi, un altro simbolo di Roma e della Roma, Francesco Totti, aveva contratto nei mesi scorsi il Covid: un contagio degenerato in una polmonite bilaterale dalla quale l'ex fuoriclasse è guarito e ha raccontato di aver «avuto paura: è stata durissima, un vero incubo».

 

Ultimo aggiornamento: 10 Aprile, 10:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA