Cagliari, Maran: «Con l'Inter per giocarci le nostre carte»

Lunedì 13 Gennaio 2020
Dopo quattro sconfitte consecutive il Cagliari cerca il riscatto in Coppa Italia. Ma per l'accesso ai quarti di finale dovrà vedersela con l'Inter dell'ex Barella, per giunta al Meazza. Maran ha chiamato 20 giocatori per la trasferta. C'è ancora Cragno tra i convocati, ma tra i pali potrebbe andare Rafael. «Siamo molto vicini al suo recupero completo però questa gara arriva troppo presto - ha detto il tecnico rossoblù - dovrà ancora effettuare l'ultimo controllo e ha fatto ancora troppi pochi allenamenti con noi». Sarà turnover, ma con giudizio. «Sceglierò la formazione anche in base a quanto vedrò nella rifinitura di domani - ha spiegato Maran - valuterò chi ha recuperato meglio. Non sarà un turnover completo, metterò in campo una squadra che potrà dare il massimo per passare il turno. Non sarà comunque una formazione condizionata dall'impegno di campionato a Brescia: prendiamo una partita per volta». Un Cagliari che cerca prestazione e risultato per alzare la testa. «Andiamo a Milano per giocarci le nostre carte. Siamo orgogliosi di essere arrivati a questo punto della competizione, quando invece altre squadre della massima serie sono già uscite. Per noi è un momento particolare ma intanto siamo sesti in classifica, in un campionato difficilissimo come quello di Serie A. Abbiamo collezionato una lunga serie positiva, per una realtà come la nostra non è facile continuare a questo ritmo. Ci sta di subire una flessione, più che altro dettata dai risultati, quindi mentale, non fisica. Dobbiamo superare il momento sul campo, tornare a quella ferocia che ci aveva contraddistinto. Di fronte, però, c'è un Inter che vuole tutto. »Giocheremo contro una squadra che ha nella solidità uno dei suoi punti di forza. Un avversario che concede poco, di grande fisicità. Cercheremo di non fare una partita di attesa, questo è un atteggiamento che non rientra nelle nostre corde, come si è visto nelle ultime partite. Vogliamo fare una buona prestazione, il modo migliore per ottenere un risultato positivo«, ha concluso Maran.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma