Liverpool-Napoli 1-1: non basta Mertens, Lovren firma il pareggio. Ancelotti "vede" gli ottavi

Mercoledì 27 Novembre 2019 di Pasquale Tina
Carlo Ancelotti

Il Napoli c'è. La squadra di Ancelotti strappa un pari d'oro ad Anfield, impone l'1-1 ai campioni d'Europa del Liverpool e ipoteca il passaggio del turno: basterà un punto nell'ultima gara contro il Genk per festeggiare la qualificazione. Soprattutto, in un clima di polemiche e veleni, Koulibaly e soci tirano fuori cuore e attributi, mostrando attaccamento alla maglia e voglia di lottare. La novità più rilevante tra le fila azzurre è l'impiego di Di Lorenzo in posizione avanzata sulla fascia destra, con Maksimovic ad agire da terzino basso. La coppia centrale di difesa, davanti a Meret, è formata da Koulibaly e Manolas con Rui a sinistra. Allan, Zielinski e Fabian completano il centrocampo, tandem d'attacco composto da Mertens e Lozano. Tridente invece per Klopp. Il tecnico del Liverpool lancia dall'inizio Salah, Firmino e Mane, chiavi del centrocampo affidate a Fabinho con Henderson e Milner incursori. Difesa imperniata su Van Dijk e Lovren. Ritmi bassi in avvio. Il Napoli mostra di esserci, chiude tutti i varchi e prova a ripartire in velocità. Ci riesce al 21', quando il Liverpool ha appena perso Fabinho per infortunio (dentro Wijnaldum), ed è letale. Di Lorenzo lancia Mertens sul filo del fuorigioco, il belga lascia rimbalzare il pallone e batte Alisson di controbalzo. Proteste del Liverpool per un possibile fallo dell'attaccante su Van Dijk e per la posizione di Mertens al momento del passaggio: dopo tre minuti di verifiche, dalla postazione Var danno l'ok.
 

 

È un gol che alimenta le ansie dei Reds, regalando tranquillità alla formazione di Ancelotti. Che gestisce senza troppi problemi la situazione fino al riposo, nonostante nel finale gli inglesi aumentino il forcing. Meret dice di no prima a un colpo di testa centrale di Van Dijk, poi a un sinistro di Milner autore di una bella percussione in area. In mezzo, proteste del Liverpool per un contatto in area Mane-Di Lorenzo: Klopp rimedia un giallo. Vibrante la partenza dei Reds anche nella ripresa: al 10' Meret si lascia sfuggire un cross di Henderson, Firmino gira a rete, Koulibaly respinge sulla linea. Più sicuro il portiere del Napoli sul piatto sinistro di Salah al 15'. Ma il Liverpool preme, con Oxlade-Chamberlain che prende il posto di Gomez: fuori di un niente il colpo di testa di Firmino su assist del nuovo entrato. Il pari è nell'aria e arriva al 20': angolo dalla destra, Lovren sovrasta Mertens e trova l'1-1 di testa. C'è da stringere i denti, anche perché i Reds insistono. Entra Llorente per Lozano, il Napoli fa fatica a uscire dalla sua metà campo. Dentro anche Elmas per Mertens, stremato, poi Younes per Zielinski. Il finale è in apnea, ma il fortino azzurro resiste senza che il Liverpool riesca a creare altre occasioni da gol. Uno a uno, un punto d'oro che avvicina gli ottavi. Forse, un punto di svolta per tutta la stagione..

LEGGI LA CRONACA
 

Ultimo aggiornamento: 28 Novembre, 00:41


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma