Cessione Salernitana al vaglio della Figc. Lotito: «Tutto regolare»

Cessione Salernitana al vaglio della Figc. Lotito: «Tutto regolare»
di Alberto Abbate
2 Minuti di Lettura
Domenica 27 Giugno 2021, 07:35

I riflettori e le pressioni ora passano alla Figc e al presidente Gravina. Venerdì sera alle 22.40 è stato partorito il trust per la cessione della Salernitana. Lotito e il cognato Mezzaroma hanno consegnato le loro quote e rimesso un mandato irrevocabile a cedere in 6 mesi, con 45 giorni di proroga massima. A via Allegri, però, già rilevano qualche “opacità” nel trustee congiunto delle due fiduciarie accreditate alla Banca d’Italia, che dovranno pure fissare il prezzo (al momento non c’è) di vendita: «Se ci dicono che c’è qualche problema – assicura l’avvocato Gentile – possiamo lasciarne solo una. C’è stata consigliata addirittura dalla Banca del Fucino la Melior Trust». Dubbi anche sui nomi dell’advisor Enrico Laghi (già nel salvataggio Alitalia) e dei due guardiani, il generale Coppola e l’avvocato Masoni, nel consiglio di gestione all’epoca Cragnotti: «Non capisco perché si venga a sindacare sul trust – ribadisce Lotito – quando conta solo la cessione della Salernitana e nessuna riconducibilità alla mia persona». In realtà, anche la scelta dell’amministratore unico, il generale Ugo Marchetti, desta perplessità: era già stato rifiutato dalla Figc come trustee, e nel 2017 Lotito lo aveva proposto alla presidenza della Lega di A. Elementi che lasciano scettico Gravina. Con queste premesse, ora, la Figc valuterà se la Salernitana ha i requisiti per restare in una Serie A dove c’è già la Lazio. Domani saranno presentati i documenti, verranno esaminati dalla Covisoc, ma anche dai legali della Figc. Ieri è arrivata a via Allegri una lettera: il presidente Vigorito è pronto alla battaglia come terza parte interessata, alla luce del trust della Salernitana, per la riammissione del Benevento in Serie A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA