Kobe Bryant morto, il ricordo di Valerio Bianchini: Drazen Petrovic e il basket imparato in Italia

Domenica 26 Gennaio 2020 di Valerio Bianchini
Valerio Bianchini, uno dei guru del basket italiano e coach dello storico tricolore del Bancoroma, scrive per Il Messaggero un ricordo commosso di Kobe Bryant.

La tragedia di Kobe mi ricorda quella colpì Drazen Petrovic quando morì in un incidente tornando in macchina da un incontro della Nazionale Jugoslava.
Due grandi campioni alla sommità del basket mondiale, toccati dalla speciale Grazia dei più grandi nello sport. Kobe aveva un rapporto speciale con il basket italiano. Al seguito del padre Jo, ottimo campione del campionato italiano, aveva imparato a giocare nelle nostre giovanili. Quando tornò negli USA stupì tutti per la sua abilità nei fondamentali e lui orgoglioso, ripeteva che l'Italia aveva fatto di lui il campione che era. Ultimo aggiornamento: 23:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma