La AX Milano asfalta la Fortitudo. Bene Cremona, Cantù e Brescia

La AX Milano asfalta la Fortitudo. Bene Cremona, Cantù e Brescia
di Marino Petrelli
4 Minuti di Lettura
Domenica 28 Febbraio 2021, 23:54

Milano risponde a Brindisi, Sassari e Virtus Bologna, vittoriose ieri negli anticipi, battendo una Fortitudo Bologna troppo debole da poter impensierire l’Olimpia di questo momento in stagione. Incredibile il 21/31 da tre punti (record di triple societarie segnate) e i 29 assist, eguagliato il numero di Sassari in questo campionato. Cremona vince la sfida salvezza contro Trento, sempre più in crisi. Vittorie importanti per Cantù, che lascia l'ultimo posto in classifica, e Brescia che stasera aggancia Pesaro e Trieste al sesto posto a quota 18 punti.

VANOLI CREMONA - DOLOMITI ENERGIA TRENTO 95-87

Nella partita del mezzogiorno, Cremona porta a casa un vitale successo (95-87) in chiave salvezza contro l'Aquila Trento. Dopo 20 minuti equilibrati, 46-43, i padroni di casa scappano via nella ripresa grazie ad un terzo periodo dominato 28-16 che vale il +15 (75-69). Maye, 24 punti, (22 invece per Williams) prova a tenere in vita le speranze dei suoi ma lui stesso le affossa con l'ingenuo fallo su tiro da 3 di Hommes a 75 secondi. L'americano della Vanoli (alla fine 13 punti) fa 3/3 e sigla il 90-80. La Vanoli (sei in doppia cifra, Mian 17 punti, esordio di Barford con 10 punti) dopo 5 ko consecutivi torna a vincere e supera in classifica l'Aquila ribaltando anche lo scontro diretto avendo perso solo di 2 punti la prima sfida tra le due squadre. Per Trento ottava sconfitta consecutiva.

AX MILANO - LAVORO PIU’ FORTITUDO BOLOGNA 98-72

Milano non ha voglia di perdere tempo, dopo nemmeno tre minuti è già 10-0.  Nemmeno il primo time out aiuta la Fortitudo, al sesto è 20-4. Al decimo è 30-11 con un incredibile 6/6 da tre e 6/6 ai liberi. La Fortitudo ha un mini parziale, 7-11, per il 37-22 al 13esimo. Punter arriva già a 22 punti personali (alla fine 25), Roll segna l’undicesima tripla di serata per il 52-29. Al riposo lungo è 59-33 con 12/15 da tre punti. La partita è di fatto chiusa, anche se la Fortitudo piazza un parziale da 2-10 per il 61-43 al 24esimo. Altre quattro triple segnate rilanciano l’Olimpia sul 73-47. Al 30esimo è 82-54. Finisce 98-72 con il 21/31 da tre che è record di triple segnate da parte dell’Olimpia. Roll 16 punti con 4/4 da tre. Per Bologna, Hunt 17 con 8/11 da due. 

ACQUA SAN BERNARDO CANTU’ - DE LONGHI TREVISO 83-76

Cantù batte Treviso grazie ad grande rimonta avvenuta nella ripresa e abbandona l’ultimo posto in classifica. Due punti di fondamentale importanza per la squadra di coach Bucchi, che ha trovato le chiavi per strappare il successo nella seconda metà di gioco, quando gli ospiti hanno calato sensibilmente le loro percentuali. La formazione di Menetti produce infatti un primo tempo offensivo ai limiti della perfezione con Solowoski (18 nei primi 2 quarti, alla fine 20) e Logan (14), violini principali nella sinfonia trevigiana, avanti 10-21, poi 17-26 e 43-48 al riposo lungo. Nella ripresa la musica è però opposta, con la De’ Longhi tenuta a 12 e 16 punti rispettivamente nel terzo e quarto periodo. Finisce 83-76. Per l’Acqua San Bernardo top scorer Gaines, autore di 22 punti, in doppia cifra anche Smith con 14. Importantissimo l’apporto in uscita dalla panchina del neanche diciannovenne Procida, che di ritorno dalla parentesi con la Nazionale maggiore si mette subito in evidenza. 

GERMANI BRESCIA - UNA HOTELS REGGIO EMILIA 89-79

Bella partita tra due squadre che cercano un posto utile per i play off. Reggio Emilia è a lungo avanti, 15-22 al decimo, 26-35 al 14esimo, ma la Leonessa ha un sussulto nel finale di primo tempo sospinta da Willis che con otto punti in fila riavvicina i padroni di casa. Chery sorpassa sul 38-36, Brescia chiude avanti 47-43. Il secondo periodo è da 32-20. La partita resta molto vivace con triple segnate da una parte e dall’altra. Al 24esimo è 57-57. Burns (alla fine 16 punti e 5 rimbalzi) si carica la Leonessa sulle spalle per il 67-57. Contro parziale guidato da Koponen (12 con 4/7 da tre) per il 71-69 della fine del terzo parziale. Reggio Emilia non segna per quasi sei minuti, Brescia con un Chery extra lusso (22 punti con 3/4 da tre punti) e un Crawford finalmente efficace allunga sull’83-71 al 36esimo. Gli ospiti non ne hanno più, finisce 89-79. Brescia raggiunge Pesaro e Trieste a quota 18, Reggio si allontana dalla zona play off.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA