Tortu è già un lampo, a Rieti vola in 9.97 ventoso: «Fantastico, non potevo chiedere esordio migliore»

Venerdì 24 Maggio 2019
Filippo Tortu (foto Sprint Academy)
Se il buongiorno si vede dal mattino, Filippo Tortu ci regalerà altre serate da ricordare. Lo sprinter azzurro ha esordito sui 100 metri sulla pista di Rieti, facendo registrare subito un ottimo 9.97, che sarebbe il nuovo record italiano dopo il 9.99 stabilito dallo stesso Tortu l'anno scorso, ma non è omologabile perché favorito da una folata di vento a favore di +2,4 metri al secondo.
In batteria Tortu aveva corso in 10.08 (+2.2). Dietro l'azzurro,  10.00 per il canadese Aaron Brown, terza piazza in 10.11 per il francese Amaury Golitin.
«È qualcosa di fantastico, non potevo chiedere esordio migliore - le parole di Tortu al sito della Fidal - Una delle giornate più belle della mia vita, in una cornice stupenda, ed è questo quello che amo dell’atletica, del mio sport. C’è stato il vento purtroppo, ma qui correvo contro uno dei velocisti più forti al mondo, dopo i primi 50 metri ho pensato solo a correre rilassato e il tempo è arrivato. Voglio far diventare l’atletica più grande possibile e questa gara la dedico a mio fratello Giacomo, che mi ha aiutato molto negli allenamenti e in tutto il resto». Ultimo aggiornamento: 17:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma