Thegiornalisti si sciolgono, il chitarrista Rissa: «Tommaso l'ha fatto per soldi, ce l'ha detto via chat»

Mercoledì 18 Settembre 2019 di Mattia Marzi

Era nell'aria da tempo e alla fine è stato ufficializzato: è divorzio per i Thegiornalisti. Con una serie di post pubblicati su Instagram ieri sera il leader Tommaso Paradiso ha annunciato il suo addio alla band, mettendo di fatto la parola fine alla turbolenta estate del gruppo. Aveva già comunicato le sue intenzioni agli altri due componenti, il chitarrista Marco Rissa e il batterista Marco Primavera, con un messaggio in chat sabato mattina. Ora, via social, ha reso pubblica la notizia della separazione: «È stata una fantastica avventura che ci ha portato fino al Circo Massimo. Ma sapete meglio di me o come me che le storie nella maggior parte dei casi non sono eterne». Ma i suoi ormai ex compagni di band non ci stanno: «È Tommaso che ha deciso di andar via, i Thegiornalisti in qualche modo continueranno. Abbiamo degli inediti, avevamo firmato un contratto discografico per due album con Universal. Non sappiamo bene cosa succederà ora», dice Rissa a Il Messaggero, commentando la notizia.

Thegiornalisti, Tommaso Paradiso lascia la band. Lite con il chitarrista: «Ci hanno tolto anche la password di Instagram»
 

I PROBLEMI
Che qualcosa si fosse inceppato nelle dinamiche interne al trio lo si era intuito già quest'estate, quando erano circolate con insistenza voci relative al presunto scioglimento dei Thegiornalisti, più volte smentite dai componenti del gruppo. Però la scelta dei due musicisti di cambiare manager e di affidarsi a collaboratori e consulenti diversi rispetto a quelli del cantante avevano destato qualche sospetto. Così come il silenzio di Paradiso nelle settimane precedenti l'appuntamento al Circo Massimo, mentre Primavera e Rissa parlavano con la stampa. Dopo aver trascorso l'estate lontani l'uno dall'altro, si erano ritrovati per le prove pochi giorni prima del concerto al Circo Massimo. Chi era in sala aveva riferito di un clima teso, con il leader insolitamente schivo e restio. «Sono stati, questi ultimi, mesi molto difficili; sono stato in silenzio; volevo che il Circo Massimo fosse una grande festa e non un funerale», chiarisce lui sui social. «È una decisione che ha preso solamente lui per questioni economiche. Da quando nel gruppo sono cominciati a girare un po' di soldi lo abbiamo visto cambiato, più legato al denaro», è la risposta di Rissa, a caldo, «crede che forse come Tommaso Paradiso guadagnerà di più. Negli ultimi mesi avevamo pianificato il nostro futuro. Al Circo Massimo eravamo in pace. E anche a Verona: quella al Power Hits Estate è stata la nostra ultima esibizione. Siamo stati anche a cena insieme. Forse Tommaso ha finto, oppure ha preso la sua decisione dopo». Abbiamo provato a chiedere un commento a Paradiso, ma per ora il cantante non vuole parlare: ciò che aveva dire, lo ha affidato ai social.
 

Cosa ne sarà del futuro della band? Rissa e Primavera intendono rispettare gli impegni presi negli ultimi mesi con la major per la quale il gruppo aveva firmato (dopo due album pubblicati con la indipendente Carosello, Completamente sold out e Love), che prevedevano anche importanti progetti in termini di concerti. E di farlo come Thegiornalisti: «Si puntava a fare gli stadi nell'estate del 2021. Ora dobbiamo trovare un altro cantante. I Thegiornalisti sono Rissa, Primavera e Paradiso. Nel momento in cui uno dei tre decide di andarsene, gli altri non possono smettere». Paradiso, invece, continuerà a incidere con il suo nome: «Tra qualche giorno uscirà una nuova canzone. Non uscirà come Thegiornalisti ma uscirà come Tommaso Paradiso. D'ora in poi tutto ciò che scriverò e canterò non sarà più Thegiornalisti ma sarà Tommaso Paradiso».
 

Ultimo aggiornamento: 19 Settembre, 08:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma