Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Chi è Martina Pigliapoco, la carabiniera stasera a Sanremo: a ottobre sventò il suicidio di una donna

È stata premiata Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica italiana dal presidente Mattarella per aver sventato un suicidio la mattina del 4 ottobre 2021

Martina Pigliapoco, chi è la carabiniera stasera a Sanremo: a ottobre salvò una persona dal suicidio
2 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Febbraio 2022, 18:50 - Ultimo aggiornamento: 19:16

Sul palco dell'Ariston stasera a Sanremo ci sarà anche Martina Pigliapoco, la carabiniera che a ottobre 2021 ha sventato un suicidio, salvando una donna che voleva gettarsi nel vuoto da un ponte tibetano, a Perarolo in Veneto. Dopo un colloquio di tre ore sospese a centinaia di metri convinse la donna a desistere. Per il suo gesto coraggioso è diventata Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Sanremo 2022, Fiorello è già tornato a Roma e non rientrerà al Festival

Chi è Martina Pigliapoco

Martina Pigliapoco, 26 anni, ha ricevuto l'onorificenza di Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica italiana dal presidente Mattarella per aver sventato un suicidio la mattina del 4 ottobre 2021. La carabiniera in servizio presso la Stazione di San Vito di Cadore, in provincia di Belluno, era stata allertata dalla centrale operativa che aveva segnalato la presenza di una persona che minacciava di gettarsi nel vuoto da un ponte tibetano a Perarolo. La persona aveva scavalcato la ringhiera quando è arrivata Martina: percorsa una parte del ponte, si è seduta a distanza e ha cercato di avviare un dialogo. La conversazione è durata circa tre ore al termine delle quali la signora ha desistito ed è scesa, abbracciando la carabiniera. Che ora è stata premiata “per il coraggio e la sensibilità dimostrate nell’esercizio delle sue funzioni”. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA