Editoria: l'ispirazione all'acquisto in libreria, ma poi si compra online

Sabato 8 Dicembre 2018
Più libri più liberi alla Fiera della piccola e media editoria
La libreria fisica è il luogo preferito dagli italiani in cui scegliere i libri. Ci sono 7 milioni di lettori che dichiarano di entrarvi per ispirarsi su quale libro leggere ma poi per comperarli online.
 
Questi i driver nell’acquisto: la disponibilità del libro in libreria, per 1 lettore su 4. E ancora, oltre a titolo e autore e copertina, il 15% dei lettori forti si fa guidare, per l’acquisto, dal marchio editoriale.
 
Si tratta della ricerca di Pepe Research sulle nuove forme di consumo editoriale e culturale presentata l'8 dicembra alla Nuvola, nel programma professionale della Fiera nazionale della piccola e media editoria. 
 

Nel dettaglio, durante l'incontro a Più libri più liberi, è stato ricordato che la libreria orienta le scelte di ben l’81% dei lettori (e rappresenta il 70% del mercato trade): 6 italiani su 10 (il 59% per la precisione) dichiarano che i libri letti nell’ultimo anno provengono da librerie di catena, 2 su 10 (il 23%) da quelle indipendenti, gli altri da quelle nei centri commerciali.

È quanto emerge dall’indagine dell’Osservatorio dell’Associazione Italiana Editori (AIE) sulle nuove forme di consumo editoriale e culturale, realizzato in collaborazione con Pepe Research, presentata alla Fiera nazionale della piccola e media editoria dell’AIE, in programma fino a domenica al Roma Convention Center La Nuvola. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti