Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Draghi, l'epilogo della crisi in due ore: dagli applausi alla Camera all'incontro con Mattarella

Giovedì 21 Luglio 2022, 14:32 - Ultimo aggiornamento: 19:50
Draghi, l'epilogo della crisi in due ore: dalla commozione alla Camera all'incontro con Mattarella
di Stefania Piras
1 Minuto di Lettura

Draghi oggi è salito al Quirinale e il Capo dello Stato Sergio Mattarella non ha potuto che prendere atto delle sue dimissioni. Il premier rimarrà in carica per il disbrigo degli affari correnti. Mattinata costellata di sorrisi e pacche sulle spalle per Mario Draghi che nel suo discorso lampo alla Camera dei deputati fa anche una battuta divertita sul suo carattere: «Certe volte anche il cuore dei banchieri centrali viene usato». Ripercorriamo la mattina di Draghi: in un paio d'ore va in scena l'epilogo della crisi fra incontri, riti, commiati e applausi. 

Draghi, ieri il Senato decreta la fine dell'esecutivo voluto da Mattarella 17 mesi fa

Lega, Forza Italia e Movimento 5 stelle hanno deciso di staccare la spina al governo: solo pochi giorni fa il centrodestra di governo aveva dichiarato di non temere il voto e di essere pronto a celebrare le elezioni anticipate. Ieri hanno scelto questa opzione, ma non hanno votato formalmente contro il premier, semplicemente non hanno partecipato al voto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA