Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giornata della memoria, cinque film sulla Shoah: dai grandi classici di Hollywood al meglio del cinema europeo

Giovedì 27 Gennaio 2022, 11:51 - Ultimo aggiornamento: 12:23

La vita è bella

Vincitore di tre Premi Oscar (miglior film straniero, miglior attore protagonista e migliore colonna sonora), La vita è bella riportò nel 1997 il cinema italiano al centro dell’attenzione generale, lanciando la carriera internazionale di Roberto Benigni. Al centro della storia c’è Guido Orefice, un uomo ebreo deportato con la famiglia in un lager nazista, raccontato nel suo eroico sforzo di proteggere il figlio dagli orrori quotidiani attraverso una bugia: ciò che accade intorno a loro, dice al suo bambino, è parte di un gioco in cui si dovranno affrontare prove molto dure in cambio di un premio finale. Dolce e amarissimo, La vita è bella è il dramma raccontato con il sorriso come nella tradizione del migliore cinema italiano. Prova d’attore straordinaria per un film dall’andamento tragico e tragicamente familiare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA