ASTRAZENECA

Lazio, dal 1° marzo via alla vaccinazione dei 65enni dai medici di base

Giovedì 18 Febbraio 2021
2
Lazio, dal 1° marzo vaccinazione ai 65enni dai medici di base

Al via dal primo marzo nel Lazio le vaccinazioni anti-Covid dai medici di famiglia. In attesa dell'atto ufficiale del ministero, si partirà dai nati nell'anno 1956 (ossia 65enni) con il vaccino Astrazeneca. Intanto nel primo giorno di avvio delle prenotazione online del personale delle scuole, delle università e dei servizi per l'infanzia è stata superata quota 20 mila. La prenotazione è scaglionata per fasce di età, tenendo conto della novità dell'autorizzazione di Aifa fino a 65 anni e in attesa dell'atto ufficiale del ministero. 

Covid Lazio, bollettino oggi 18 febbraio: casi sopra quota mille (534 a Roma) e 41 morti

Covid, spray nasale negli Usa. «Efficace sulle varianti e per chi non è vaccinato»

 

Il nuovo calendario

Pertanto il nuovo calendario sarà: 45-55 anni da oggi 18 febbraio; 56-65 anni dal 22 febbraio; 35-44 anni parte dal 24 di febbraio e infine gli under 34 anni dal 26 febbraio. Questa modalità non riguarda gli studenti (over 18). Le somministrazioni partiranno lunedì. E si va verso quota 315mila dosi di anti-Covid somministrate nel Lazio. Oltre 118 mila le persone che hanno ricevuto il richiamo. Superata le le 65 mila vaccinazioni a over 80. «Siamo la regione che ha vaccinato più anziani» ha sottolineato l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato. 

Vaccini, nel Lazio da stanotte già 10mila prenotazioni per docenti e corpo scolastico

«Dai dati in nostro possesso del monitoraggio dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS) il Lazio dovrebbe rimanere in zona "gialla" con un valore RT a 0.95, una riduzione del numero dei nuovi focolai, una riduzione del tasso di occupazione dei posti letto totali di terapia intensiva e di quelli in area medica entrambi al di sotto delle soglie di allerta», spiega ancora l'assessore. Salgono, intanto, i nuovi casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore che tornano a superare quota mille. Su un totale di quasi 30 mila test, si registrano 1.025 casi positivi (+154 rispetto a ieri), 41 decessi e +1.953 i guariti. Aumentano i casi, mentre diminuiscono i decessi, i ricoveri e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 8%, ma se si considera anche gli antigenici la percentuale scende al 3%. I casi a Roma città sono a quota 500. «I ricoveri per la prima volta dal 31 ottobre tornano sotto quota 2 mila (1.995) un segnale importante, si iniziano a vedere i primi effetti della campagna vaccinale ha spiegato l'assessore.

Covid Roma, positivi dopo il vaccino: è allerta per i medici. In 12 avevano ricevuto la doppia dose

Ultimo aggiornamento: 19:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA