Tuscolana, incidente in moto contro un palo: perde la vita padre di due figli

Domenica 25 Agosto 2019
1
I rilievi dei vigili sul luogo dell'incidente
Fatale per lui è stata una curva in via Tuscolana all’altezza di Porta Furba. Ieri, verso le 13, Paolo Consiglio, 42 anni da poco compiuti, è morto a Roma mentre era alla guida di una moto di grossa cilindrata. L’uomo stava percorrendo la curva, nei pressi di via dei Pisoni, quando ha perso il controllo della sua Suzuki Gsx 1300 e, cadendo, e si è schiantato contro il palo di un cartello stradale. L’impatto è stato tremendo, come dimostra il fatto che i primi soccorritori hanno trovato il mezzo lontano circa 30 metri dal corpo, con il casco che era volato via.

LEGGI ANCHE Bloccata sugli scogli a Ischia, turista romana si salva grazie a yoga e Whats App

Consiglio era nato ad Avola, ma risiedeva a Roma nei pressi del luogo dove è morto. Lascia una compagna e due figli. Ad avvertire la polizia municipale e il 118 alcuni passanti. I primi soccorsi sarebbero arrivati una decina di minuti dopo la collisione. Ma inutilmente. I sanitari hanno potuto solo constatare il decesso. A quanto pare il 42enne sarebbe morto sul colpo. L’assenza di traffico su quel tratto di via Tuscolana ha evitato che altri automobilisti fossero coinvolti.

La procura di Roma ha aperto un fascicolo e gli inquirenti aspettano di ascoltare i testimoni per capire qualcosa in più. Quindi, soltanto nei prossimi si potrà chiarire meglio la dinamica dei fatti. Gli agenti della Municipale hanno fatto i primi rilievi per tutto il pomeriggio, mentre il corpo è stato trasferito al Policlinico di Tor Vergata, dove verrà eseguita l’autopsia.

Come detto, è difficile ancora ricostruire le cause e le modalità dell’incidente. A pochi metri dal punto dove Consiglio è caduto, ci sono alcune buche sull’asfalto di via Tuscolana. L’uomo che potrebbe aver perso il controllo della moto per evitarle. Ma dalla Polizia municipale, fanno sapere che non ci sono elementi per ricollegare l’incidente a problematiche del manto. Di conseguenza restano in piedi tutte le ipotesi.
L’uomo, su una moto di grossa cilindrata, potrebbe aver accelerato più del dovuto in un tratto di strada a quell’ora deserto. Ma potrebbe essere anche scivolato a causa di una buca o di un malore oppure di un guasto della Suzuki.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, istrice gigante a spasso su Lungotevere: la Capitale sempre più bestiale

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma