Roma, "Spelacchio" è arrivato a Piazza Venezia

Arriva Spelacchio in città, e il centro storico entra nel vivo dei preparativi per le feste. Se da domenica si accendono le luminarie di Natale, da sabato scatta il nuovo regime della Ztl estesa fino alle 19. Ma intanto, un pò di sano folklore natalizio. Spelacchio, l'albero che ormai si porta dietro l'ironico nome d'arte (per un passato di rami secchi e piangenti) è atterrato a piazza Venezia e da stamattina partono i lavori per l'allestimento. Un'autentica star, suo malgrado, pronta ad accendersi l'8 dicembre. L'abete di 23 metri e 12 tonnellate di peso ha viaggiato tutta la notte. È partito nel tardo pomeriggio dal vivaio di Cittiglio, nella zona di Varese, a bordo di un mega camion tutto decorato a tema, con tanto di griffe («Spelacchio is coming to town»), sotto la regia di Netflix che anche quest'anno spicca come sponsor per trasporto e allestimento. L'ingresso a piazza Venezia avviene alle prime ore del mattino. E la chioma ricca e folta tipica dell'abete Nordmanniano? Ci vorrà una squadra di operai per restituire al nuovo Spelacchio il suo look naturale, visto che è stato «smembrato». Ma a regola d'arte. Spelacchio, l'annuncio su Twitter: «L'albero partito da Varese è in viaggio verso Roma»

Roma, ecco Mondezzacchio: l'albero di Natale con i rifiuti davanti al cimitero Flaminio

 


IL MAQUILLAGE Come spiegano i tecnici. Per il viaggio, l'abete è stato avvolto da una rete speciale per proteggere i rami più piccoli e delicati. Più complicato invece il trasporto delle parti di rami più ingombranti: per garantire un trasferimento sicuro, è stata attuata una tecnica studiata ad hoc che prevede la sezione di alcuni rami da parte di esperti del settore. «In questo modo è stato possibile mantenere le caratteristiche specifiche dell'abete e consentire un trasporto eccezionale nel rispetto delle misure imposte per legge». Il maquillage comincia da stamattina dunque, cui seguirà l'addobbo con 80mila luci a led e mille tra sfere e cristalli di neve argentati. In concomitanza, sotto Spelacchio, parte anche l'allestimento del nuovo villaggio di Natale targato Netflix, un'area interattiva per famiglie e bambini ispirata al primo film di animazione del canale, Klaus, dove sarà possibile scattare selfie in compagnia di Jesper e Klaus. E dal 9 dicembre i più piccoli possono anche inviare letterine per Babbo Natale. Intanto questa settimana rischia di essere ferale per la mobilità romana. Sabato, nel primo weekend del periodo pre-natalizio, scattano i nuovi orari della Ztl del Centro storico: i varchi resteranno chiusi un'ora in più, cioè fino alle 19, invece delle 18. Ma all'interno del Comune stanno spuntando non pochi dubbi sulla misura dopo le proteste dei commercianti, con il risultato che potrebbe esserci uno slittamento. A oggi Roma Capitale ha fatto sapere che si tratta di una sperimentazione in vigore fino a lunedì 6 gennaio: quindi dal lunedì al venerdì il Centro sarà interdetto dalle 6.30 alle 19, il sabato dalle 14 alle 19. Ma da Palazzo Senatorio hanno chiarito che l'intenzione è di mantenere le nuove regole anche dopo la Befana. Anzi, si starebbe persino valutando per la primavera, precisamente per maggio e giugno, l'ipotesi di prolungare lo stop alle auto non autorizzate fino alle 20. Come detto, gli esercenti sono contrari. Anche perché la mobilità del Centro già sconta la prolungata chiusura della stazione della metropolitana di piazza Barberini. L'assessore alle Attività produttive, Carlo Cafarotti aveva proposto l'istituzione di un «collegamento tra i parcheggi del centro (Ludovisi, Borghese, Cavour) con navette verso il Tridente». I residenti, dal canto loro, sperano che sia ripristinata in zona la linea 116.

ALTRE FOTOGALLERY DELLA CATEGORIA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani