Occupazioni, la polizia sgombera il liceo Morgagni: blitz nella scuola

Occupazioni, la polizia sgombera il Morgagni: blitz nella scuola
di Marco Pasqua
2 Minuti di Lettura
Domenica 28 Novembre 2021, 12:34 - Ultimo aggiornamento: 12:42

Il blitz della polizia è scattato nella serata di ieri, al quarto giorno di occupazione. Un'operazione che arriva dopo l'assemblea, convocata dagli stessi studenti del liceo Morgagni, a Monteverde, per decidere le prossime iniziative di protesta. Momenti di tensione tra alcuni giovani e le forze dell'ordine, che però sono riuscite in poco tempo a liberare l'istituto.

Intorno alle 5 di mattina, martedì, circa 150 studenti - la minoranza della popolazione complessiva della scuola di via Fonteiana - avevano deciso di interrompere le lezioni. Sulla facciata principale della scuola, avevano così affisso lo striscione Morgagni occupato, dando inizio ad una serie di attività collaterali, sostitutive dei corsi. Dalle lezioni sulle occupazioni - sui metodi di lotta e sulle modalità attraverso le quali è possibile occupare una casa - fino a quelle sui djset. A queste lezioni, si sono aggiunti i consueti momenti per fare baldoria nelle ore notturne. Formalmente, l'ingresso è stato consentito solo agli interni muniti di Green pass, anche se, dentro la scuola, quasi nessuno indossava la mascherina. «Vogliamo aprire un tavolo permanente con la prefettura, per discutere dei nostri problemi», avevano detto gli occupanti.

Ieri sera, quindi, la polizia si è presentata con diversi blindati ed è entrata nella scuola, invitando chi era dentro a liberare le aule. Alcune persone sono anche state identificate dagli agenti e la scuola, ora, valuterà quali iniziative intraprendere nei loro confronti. «La repressione non ci fermerà, hanno scritto poco dopo essere stati sgomberati, preannunciando anche una assemblea per questo pomeriggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA