Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicidio Sacchi, lite in aula tra imputati: «Basta con questa pagliacciata»

Nel corso del confronto i due si sono scambiati le accuse sia per quanto riguarda la rapina ai danni di Sacchi sia sulla questione legata all'arma

Omicidio Sacchi, lite in aula tra imputati: «Basta con questa pagliacciata»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Febbraio 2022, 18:15 - Ultimo aggiornamento: 18:42

Nel corso del processo per l'omicidio di Luca Sacchi - il ventenne ucciso con un colpo di pistola alla testa la notte tra il 23 e il 24 ottobre del 2019 - c'è stata un'accesa discussione fra due imputati che si sono scambiati accuse reciproche. «Ma finiscila cò sta pagliacciata». Queste le parole utilizzate davanti alla Prima corte d'Assise dove sono comparsi Valerio Del Grosso, il ragazzo che materialmente ha sparato al personal trainer, e Marcello De Propris, accusato di aver fornito l'arma utilizzata per il delitto.

Nel corso del confronto i due si sono scambiati le accuse sia per quanto riguarda la rapina ai danni di Sacchi sia sulla questione legata all'arma e in particolare se fosse stata fornita da De Propris carica o priva di munizioni. Nel procedimento sono imputati anche Paolo Pirino, che accompagnava Del Grosso nell'agguato e la fidanzata di Sacchi, Anastasiya Kylemnyk, accusata del tentativo di acquisto di droga. La ragazza compare anche come parte lesa perché vittima della rapina dello zainetto in cui sarebbero messi i settantamila euro per comprare la marijuana. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA