Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ruberti, le dimissioni dopo le frasi choc. La lettera a Gualtieri: «Ho reagito alla frase “mi ti compro”»

«Io li ammazzo, Io li sparo. Devono venire a chiede scusa per quello che mi hanno chiesto...», le parole che si sentono nel filmato

Ruberti, le dimissioni dopo le frasi choc. La lettera a Gualtieri: «Ho reagito alla frase mi ti compro »
2 Minuti di Lettura
Venerdì 19 Agosto 2022, 11:15 - Ultimo aggiornamento: 20 Agosto, 11:41

Albino Ruberti ha deciso di dimettersi dopo la pubblicazione, da parte del Foglio, del video choc che lo vede protagonista di un'accesa lite con pesanti minacce. «Io li ammazzo...Devono venire a chiede scusa per quello che mi hanno chiesto... A me non me dicono 'io me te comprò» E ancora «do cinque minuti pe venì a chiedeme scusa in ginocchio. Se devono inginocchià davanti. Altrimenti io lo scrivo a tutti quello che sti pezzi de... mi hanno detto... Io li sparo, li ammazzo». Sono queste le parole che si sentono nel filmato. Ruberti si starebbe scagliando contro un certo Vladimiro e un certo Adriano. Fra i testimoni, come riporta il quotidiano, c'è anche Francesco De Angelis. 

Albino Ruberti, il video choc della lite «Inginocchiati o ti sparo». Il capo di gabinetto di Gualtieri si dimette

LA LETTERA  AL SINDACO GUALTIERI

Illustrissimo Sindaco,
in merito al video pubblicato nella serata di ieri dal Quotidiano "Il Foglio", confermo che quanto avvenuto trattasi di un litigio verbale durante una cena privata, che nulla ha a che vedere con il mio ruolo istituzionale. In particolare, ho reagito con durezza alla frase “mi ti compro”, che pur non costituendo in sé una concreta proposta corruttiva, mi ha portato a chiedere, con foga sicuramente eccessiva e termini inappropriati, di ritirarla immediatamente perché l’ho considerata lesiva della mia onorabilità. 
Sono a disposizione per ogni chiarimento che riterrai necessario e, per evitare strumentalizzazioni che possano ledere il tuo prestigio e quello dell'istituzione che rappresenti, 
con la presente rimetto il mio mandato da Capo da Gabinetto.

Albino Ruberti

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA