Roma ostaggio dei vandali, piazza del Popolo sfregiata dagli ultrà del Betis Siviglia

Ancora una volta la città presa d’assalto da 3mila tifosi stranieri, deturpato il Centro. Mercoledì notte un gruppo di supporter spagnoli ha innescato una rissa a Trastevere

Roma ostaggio dei vandali, piazza del Popolo sfregiata dagli ultrà del Betis Siviglia
di Emiliano Bernardini
3 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Ottobre 2022, 21:16 - Ultimo aggiornamento: 7 Ottobre, 14:53

Un tappeto di bottiglie, cartacce, resti di cibo, sacchetti di plastica e un forte tanfo di urina. All’improvviso, in un pomeriggio di inizio ottobre, piazza del Popolo viene trasformata in una discarica. Ancora una volta Roma presa d’assalto dalla follia degli ultras. Ancora una volta una tifoseria straniera calpesta la storia. Quella con la S maiuscola per una partita di calcio. E così dopo i danni dei tifosi del Feyenoord che, nel 2015, devastarono la fontana della Barcaccia, è toccato a piazza del Popolo essere vituperata. Il tutto tra lo stupore di turisti e cittadini costretti allo slalom tra l’immondizia per attraversare la piazza.

 

COSA È SUCCESSO

Piazza del Popolo era stata scelta come punto di raccolta per contenere i circa tremila tifosi andalusi del Betis giunti a Roma per la sfida di Europa League di ieri contro i giallorossi. Alle 14 come da ordinanza gli spagnoli si sono ritrovati all’ingresso della piazza, proprio tra le due chiese. La procedura prevedeva il contenimento, il controllo e poi alle 18 il viaggio, scortato dalle forze dell’ordine, verso lo stadio Olimpico. Nessun problema dal punto di vista dell’ordine pubblico. L’allarme suonato nei giorni scorsi per possibili legami con i laziali con cui lo zoccolo duro degli spagnoli condivide la fede politica aveva fatto sì che fossero impiegati mille agenti per evitare incidenti. Unico momento di tensione mercoledì notte a Trastevere dove un gruppetto ha lanciato bottiglie di birra contro un esercizio commerciale.

Se dal punto di vista della sicurezza tutto è filato liscio lo stesso non si può certo dire per il decoro urbano. Uno scempio. I tifosi per circa quattro ore hanno bevuto ogni genere di bevanda alcolica e al momento di recarsi allo stadio hanno lasciato bottiglie ovunque. Non contenti alcuni hanno urinato sul colonnato della chiesa degli Artisti. Altri hanno tappezzato la porta d’ingresso con adesivi del club. Rotto anche uno dei marmi delle scale. «Abbiamo provveduto a sporgere denuncia per quanto successo» racconta padre Walter Iserio rettore della chiesa degli Artisti. «Abbiamo anche dovuto annullare la messa della 19. Inoltre qui domani (oggi, ndr) è previsto il funerale di Franca Fendi e l’ingresso della chiesa versa in condizioni indecenti».

Video

RABBIA E STUPORE
Rabbia e stupore anche tra i tanti cittadini romani che ieri si sono trovati ad attraversare la piazza: «E’ uno scempio. Ma chi permette certe cose? Non credo che ai nostri tifosi sia permesso fare lo stesso». «Perché l’Ama non è intervenuta immediatamente?» si domanda Federico. E poi ancora: «Sono degli animali, Roma è la capitale d’Italia e a nessuno sembra importare nulla». Intanto centinaia di cellulari immortalano le ennesime immagini che hanno fatto già il giro del Mondo. Roma ridotta ad un mondezzaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA