GEORGE FLOYD

Roma, raid antirazzista nella notte: le vie diventano George Floyd, statue imbrattate al Gianicolo. Indaga la Digos

Venerdì 19 Giugno 2020
6
Roma, raid notturno: le vie diventano George Floyd, statue imbrattate. Indaga la Digos

Vernice rossa sul busto di Antonio Baldissera, generale a capo delle truppe italiane in Eritrea, poi il cambio di nome a via dell'Amba Aradam, ora intitolata a George Floyd e a Bilal Ben Messaud. È il risultato del raid di questa notte a Roma del gruppo Rete Restiamo umani, che annuncia che non si fermerà: «Smantelleremo i simboli del colonialismo nella Capitale». Lo scrivono in un post su Facebook gli attivisti della Rete.  Sul posto, pochi minuti dopo le 9, gli agenti del commissariato Celio e della Digos.

Razzismo, Roma in campo con le magliette “Black lives matter”

“The Wall of Shame”, a Roma l’arte è donna e scende in strada contro il razzismo sui social
 

«In fermo sostegno alle e ai manifestanti che a partire da Minneapolis hanno riempito le piazze di decine di città del mondo per manifestare contro il razzismo strutturale e hanno deposto simboli di un passato coloniale sempre rimosso, iniziamo ora a smantellare i simboli del colonialismo nella Capitale. Appare evidente la necessità di riportare una narrazione storicamente veritiera del colonialismo italiano, delle brutalità compiute da uomini che ancora oggi le nostre istituzioni continuano a celebrare come grandi personaggi che hanno plasmato la cultura di questo paese, rimuovendo la verità sulle violenze e gli stermini compiuti dagli italiani in Africa», si legge nel post.
 

Ultimo aggiornamento: 15:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA