Sparatoria a Roma: cognato di Roberto Spada gambizzato a Ostia

Lunedì 20 Aprile 2020
2
Sparatoria a Roma: cognato di Roberto Spada gambizzato a Ostia

Spari nel pomeriggio ad Ostia. Nonostante il lockdown, un uomo è stato ferito da un colpo di pistola alla gamba. L'allarme è scattato quando si è presentato al pronto soccorso dell'ospedale Grassi di Ostia con una ferita tra il polpaccio e la caviglia. Poco dopo è stato accertato dagli investigatori che si trattava del cognato di Roberto Spada, condannato a sei anni per la testata data nel 2017 al giornalista Daniele Piervincenzi. Sulla vicenda indagano ora i carabinieri di Ostia che stanno cercando di ricostruire l'accaduto. 

Diabolik, pax mafiosa a Ostia: arrestati Salvatore Casamonica e un avvocato

L'uomo, Paolo Ascani, 51enne romano, avrebbe raccontato di essere stato raggiunto da un proiettile mentre camminava in via Forni. Avrebbe detto che mentre passeggiava in strada ha accusato all'improvviso un dolore alla gamba, ha abbassato lo sguardo e ha visto il sangue. Così è salito in auto ed è scattata la corsa in ospedale. Non avrebbe aggiunto dettagli su chi lo ha ferito, né su quanti erano e, soprattutto, su un possibile movente che possa aver spinto qualcuno a premere il grilletto in pieno giorno in un periodo in cui le strade della Capitale sono particolarmente sorvegliate per verificare il rispetto delle disposizioni per il contenimento del coronavirus

Ostia, sgomberata la palestra di Roberto Spada: quella della testata al giornalista Piervincenzi
 


Le sue condizioni non sono gravi. Sulla vicenda sono in corso indagini dei carabinieri. Gli investigatori hanno effettuato rilievi nel luogo indicato dal ferito come teatro dell'aggressione per poter trovare elementi utili per far luce sulla vicenda e risalire al responsabile. Si cercano in queste ore telecamere in zona che possano aver ripreso gli istanti del ferimento o anche quelli precedenti o successivi all'aggressione, come anche eventuali testimoni del ferimento che possano fornire elementi utili agli investigatori. Si scava anche nella vita del ferito per individuare se qualcuno potesse avercela con lui. Al momento non si esclude nessuna pista, compresa quella di un avvertimento.
 
 

Ultimo aggiornamento: 21 Aprile, 11:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA