Roma, madre invalida fa arrestare il figlio: la picchiava per la droga

Violenza dentro casa: l’uomo pretendeva continuamente soldi. Vessazioni da anni

Roma, madre invalida fa arrestare il figlio: la picchiava per la droga
di Marco De Risi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Ottobre 2021, 00:29 - Ultimo aggiornamento: 06:59

Una storia violenta dove c’è una madre invalida e il figlio che la picchia. E’ accaduto al Tuscolano. Anni di vessazioni continue subite dalla donna. Lei 70enne e malata, costretta a subire le angherie del figlio che non ha un lavoro e campa sulle spalle della madre. E’ a lei che chiede ogni giorno i soldi obbligandola ad assottigliare la poca pensione che prende. E se la donna si oppone perché non arriva a fine mese, sono botte. 
Lui ha 38 anni, non ha un lavoro e sfrutta la madre ormai da anni terrorizzandola fra le mura domestiche. La donna è rimasta vedova e vive con il figlio violento che la maltratta, offende, spesso picchiandola. La signora, appunto, ha denunciato di essere vittima da anni di violenze e vessazioni da parte del figlio aprendosi con i carabinieri che sono accorsi in casa, due giorni fa, dopo l’ennesimo episodio di percosse da parte del figlio. 

E’ stata la donna, sfinita, dopo essere stata picchiata per l’ennesima volta, a chiamare i militari. Ai carabinieri della stazione di Cinecittà ha raccontato in lacrime di essere costretta a esaudire le richieste continue di soldi per timore di reazioni violente e quindi altre botte da parte del figlio.  L’altra sera, quindi, i carabinieri sono intervenuti in un’abitazione di via Marco Dino Rossi, zona Don Bosco, dove abita l’anziana e qui hanno arrestato il 38enne romano disoccupato e con precedenti penali, con le accuse di maltrattamenti in famiglia, percosse, estorsione e rapina. 

L’ULTIMA AGGRESSIONE

Un film dell’orrore quello che era accaduto poco prima. Secondo quanto denunciato dalla mamma, l’uomo, dopo essere rientrato a casa, probabilmente sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e alcol, ha spaccato gli arredi di casa e successivamente aggredito l’anziana madre convivente, pensionata e invalida, colpendola con calci e pugni. A scatenare la rabbia del figlio il fatto che la donna avesse chiesto al figlio la restituzione del telefono cellulare che le era stato sottratto. 

Quindi, tutto è venuto alla luce a seguito di una segnalazione giunta al numero di emergenza 112: i militari hanno raggiunto l’abitazione e arrestato il 38enne che è stato ammanettato e condotto in caserma. 
La signora sul volto aveva i lividi delle percosse ricevute proprio dal figlio. In casa è accorso anche il personale medico del 118 che ha medicato la donna sul posto. Le sue condizioni non erano tali da giustificare un ricovero però aveva i segni delle botte subite. 

Picchia la figlia per difendere la nuova compagna, padre a giudizio

LA TESTIMONIANZA

Ascoltata dai militari, l’anziana donna ha denunciato di essere da anni vittima di violenze e vessazioni da parte del figlio e di essere costretta ad esaudire le sue continue richieste di denaro per paura di reazioni violente. Il figlio deve anche rispondere del reato di estorsione considerando che da anni ha chiesto con la forza i soldi alla madre. L’arrestato è stato portato in caserma per poi essere condotto in carcere, in attesa dell’udienza di convalida. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA