Gualtieri: «Al via pulizia straordinaria di Roma, ai cittadini dico: aiutateci a non sporcare»

Il sindaco di Roma e le risorse per pulire la Capitale

Gualtieri: «Al via pulizia straordinaria di Roma, ai cittadini dico: aiutateci a non sporcare la città»
5 Minuti di Lettura
Martedì 2 Novembre 2021, 13:19 - Ultimo aggiornamento: 3 Novembre, 08:37

Via alla pulizia straordinaria della città con piano da 40 milioni: un piano preciso e ricco di particolari che il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, presenta in Campidoglio per affrontare le strade sporche, i cassonetti stracolmi, gli inifiniti problemi con l'Ama. «Presentiamo il piano di pulizia straordinaria della città - ha detto - Come avevamo detto in campagna elettorale questa è la prima azione amministrativa. Abbiamo lavorato alle risorse, il piano è già partito ieri e durerà fino alla fine dell'anno. Introdurrà innovazioni che vogliamo rendere strutturali e permanenti». 

Gualteri, Roma e i rifiuti: il piano

Risorse certo, ma anche rispetto della propria città. «Rivolgo un appello ai romani a collaborare con comportamenti virtuosi, aiutandoci a non sporcare la città, aiutandoci con comportamenti civili che la maggioranza dei romani hanno. Chiediamo la massima severità rispetto alla violazione delle regole. Sono fiducioso perchè penso che i romani avranno un maggiore senso di responsabilità».

 

Il piano straordinario prevede tre punti di partenza: aumento delle risorse, accelerazione dalle procedure in corso, coordinamento tra soggetti coinvolti. «Un maxi-intervento sui primi 60 giorni, per migliorare i meccanismi di pulizia». I 40 milioni nel prossimo bilancio, provengono in parte da fondi ordinari (32,3 milioni) e in parte da risorse aggiuntive (7,7 milioni). In particolare il piano prevede mille operatori Ama in campo e lo spazzamento delle strada, rimozione delle discariche abusive, igienizzazione dei cassonetti e passaggio, ogni tre giorni, dei cosiddetti squalettì per raccogliere i rifiuti ai lati dei contenitori, ma anche la cura del verde e la pulizia delle caditoie. Il piano, già partito ieri, si concentra sui primi 60 giorni e durerà fino alla fine dell'anno introducendo innovazioni che noi vogliamo diventino permanenti», spiega il sindaco.

Video

Roma, Stefano Zaghis si è dimesso da ad di Ama: fu nominato da Virginia Raggi nel 2019

Ma non solo pulizia delle strade, il sindaco ha messo nero su bianco un piano straordinario che punta ad introdurre modifiche strutturali. «Resta quello che avevamo detto: Roma dovrà rafforzarsi nella dotazione impiantistica». Gli sbocchi per i rifiuti che verranno  raccolti a seguito della pulizia straordinaria della città «sono quelli attuali, Albano e gli impianti attuali, e tutto quello che abbiamo è sufficiente per far fronte a questa iniziativa straordinaria». La raccolta dei rifiuti presso le utenze non domestiche e gli sbocchi ulteriori per i rifiuti della Capitale «sono temi che riguardano il miglioramento a regime del sistema (di raccolta e smaltimento dei rifiuti): sarà il nuovo management di Ama che se ne occuperà».

Gualtieri ha fatto sapere anche che dal 5 dicembre partirà un tavolo di coordinamento permanente per la pulizia e il decoro della città con la partecipazione, tra gli altri di, gabinetto del sindaco, polizia municipale, Ama, Simu, Protezione Civile e municipi. Il tavolo coordinerà le azioni di pulizia straordinaria e definirà il cronoprogramma settimanale e della comunicazione alla cittadinanza, recepirà dalla polizia locale le segnalazioni dei cittadini sulle microdiscariche a bordo strada, coinvolgerà i cittadini e le realtà civiche interessate in coordinamento con i Municipi e la Protezione civile. 

A chi gli maggiori informazioni sulla squadra, il sindaco aggiunge: «Giovedì ci sarà il primo Consiglio e
domani ci sarà la presentazione alla stampa della Giunta». E in merito alle indiscrezioni sulla composizione della giunta capitolina viene coinvolto il presidente della Regione Lazio, Zingaretti che precisa: «Non esiste nessuna quota Zingaretti, è la giunta di Roberto Gualtieri e conoscendolo sono sicuro che sta lavorando a una bellissima squadra di donne e di uomini e la sta facendo in totale autonomia e libertà».

 

Non solo rifiuti. Da un vecchio appalto Simu per il Giubileo della Misericordia del 2015 mai attivato saranno recuperati 5 milioni di euro che verranno stanziati per la pulizia delle strade, dei tombini e delle caditoie della Capitale. «Dalla prossima settimana nove aziende private cominceranno gli interventi, e diventeranno 12 da dicembre», ha aggiunto il sindaco, chiarendo che sono già state individuate le prime 13 aree della città, tra quelle più colpite da allagamenti e intasamenti, dove verrà introdotto un nuovo metodo coordinato di lavoro che prevede prima il passaggio delle ditte che si occupano della cura del verde e delle aiuole, poi dell'Ama per la pulizia straordinaria delle strade, infine le ditte che si occupano di tombini e caditoie. Nei giorni precedenti la polizia locale avviserà i cittadini per liberare i tratti di strada interessati tale operazione dalle auto in sosta. 

La cura del verde. Nel grande piano è previsto uno stanziamento da 3,2 milioni di euro per sbloccare l'accordo di programma sulla cura del verde orizzontale. Saranno 8 le ditte esterne che se ne occuperanno, ciascuna avrà in carico tra le altre cose la potatura degli alberi su due municipi. A novembre saranno in campo 5 squadre di intervento, composte ciascuna da tre operatori e un mezzo, per ognuna delle otto ditte, per un totale di 120 operatori e quaranta mezzi. Da dicembre le squadre di intervento saliranno a 7 per ciascuna ditta coinvolta, per un totale di 168 operatori e 56 mezzi. 

Le microdiscariche. «Ama si occuperà anche della rimozione delle micro-discariche per le quali il Comune ha stanziato 1,5 milioni di euro aggiuntivi», ha specificato il sindaco spiegando che ci sono 7,7 milioni di risorse aggiuntive, di cui tre per il patto di produttività per il personale Ama, altri 3,2 milioni per la manutenzione del verde e 1,5 per la rimozione delle micro discariche. «Sarà garantita l'omogeneità tra i Municipi e le prime aree interessate saranno Centocelle, Tor Bella Monaca, Settebagni, Magliana e Pietralata». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA