Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, blitz della banda dell’ariete: assalto notturno a una gioielleria. Paura alla Giustiniana

In due penetrano all’interno del negozio ma vengono disturbati dal nebbiogeno

Blitz della banda dell ariete, assalto notturno a una gioielleria: paura alla Giustiniana
di Flaminia Savelli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 12 Maggio 2022, 23:01 - Ultimo aggiornamento: 14 Maggio, 09:28

Un altro assalto. Un altro colpo messo a segno dalla “banda della spaccata”. Questa volta è stata presa di mira la gioielleria di via della Cappelletta alla Giustiniana nel quadrante nord della Capitale. Ma la banda, così come mostrano le immagini delle telecamere di video sorveglianza del negozio, è stata disturbata dal nebbiogeno, l’antifurto con il fumogeno, attivato in pochi secondi dalla violazione. Intanto all’esterno, uno dei residenti della strada svegliato dal boato, si è affacciato dal balcone urlando a squarciagola. Uno dei malviventi, prima di scappare via, gli ha puntato contro la canna di una pistola intimando di rientrare in casa. 

Castelli romani: furti, spaccio, armi e droga. Sgominata la banda delle ville

LA FUGA

L’assalto alla gioielleria è scattato alle 4 del mattino: la banda, composta almeno da quattro persone, era a bordo di un suv Suzuki. Per tre volte hanno “caricato” la macchina di grossa cilindrata contro la serranda della gioielleria. L’ingresso ha però tenuto al violento urto tanto che due ladri, con il volto coperto da un passa montagna, sono stati costretti a forzare l’ingresso a mano. Una volta entrati si sono aggirati nel locale. Hanno avuto però giusto il tempo di rubare alcuni preziosi da una vetrinetta perché in pochi secondi il nebbiogeno ha invaso l’intero locale. A quel punto alla banda della spaccata non è rimasto altro che uscire dal negozio e scappare via. Non prima di minacciare con una pistola un residente, allarmato da quel boato che affacciato al balcone di casa gridava aiuto e sollecitava i banditi ad andare via. 

LE INDAGINI 

Quando la volante della polizia è arrivata sul posto, la macchina era già sparita. La caccia alla banda è partita: gli investigatori hanno già selezionato le immagini di video sorveglianza. I banditi sono stati ripresi sia all’interno del negozio che all’esterno. Saranno determinanti soprattutto i fotogrammi dell’occhio elettronico esterno che hanno ripreso l’intera sequenza del suv che tenta ripetutamente di sfondare la porta. Ci sono poi i racconti dei residenti diventati testimoni del colpo. «Il boato è stato terribile e mi sono subito svegliato. Poi ho sentito delle grida di uno dei miei vicini e alla fine sono arrivate le sirene della polizia. Solo dopo ho saputo che uno di quei balordi ha minacciato quel signore» ha riferito uno dei residenti di via della Cappelletta. Le indagini dunque proseguono con gli investigatori impegnati a incrociare dati e denunce delle ultime rapine in zona. La caccia al suv Suzuki è dunque aperta: «Se troviamo la macchina - spiegano i poliziotti - troviamo anche la banda».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA