Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, uccide la moglie in auto con un colpo di pistola, poi si ferma a un benzinaio: «Aiutatemi, le ho sparato»

Roma, uccide la moglie in auto con un colpo di pistola, poi si ferma a un benzinaio: «Aiutatemi, le ho sparato»
di Marco De Risi
2 Minuti di Lettura
Sabato 21 Novembre 2015, 13:26 - Ultimo aggiornamento: 16 Novembre, 17:45
Si erano conosciuti in Italia ma poi, la scorsa estate, in viaggio a Cuba si erano sposati. Un matrimonio non riconosciuto nel nostro Paese e pieno di incomprensioni e tira e molla soprattutto, secondo quanto si è appreso, a causa della gelosia di lui, Yoandris Medina Nunez, 24enne cubano senza precedenti, che rinfacciava la donna, la 23enne romana Nicole Lelli, di non essergli fedele. E un ultimo litigio che ha avuto un epilogo tragico: lui ha estratto una pistola e le ha sparato in testa uccidendola all’istante. Il dramma si è verificato verso le 3 di notte in via Galvani, la strada dei locali e della ”movida” di Testaccio. L’assassino è un cubano di 24 anni, Yoandris Nunez Medina. Il giovane ha raggiunto la sua convivente, Nicole Lelli, 23 anni, romana del Collatino, in un locale notturno, il Caruso. La donna si trovava con degli amici e non voleva stare con il marito. Ma lui l’ha raggiunta e ha insistito perchè lei uscisse fuori in strada a parlare con lui. Non si esclude che l'abbia minacciata da subito con una pistola. La coppia è salita sulla macchina del cubano, una Polo bianca. C’è stata una discussione. La donna ha ribadito che voleva stare da sola almeno per un periodo. A quel punto il cubano ha estratto l'arma, una pistola calibro 7.65 e ha fatto fuoco.



La ragazza è stata colpita al capo ed è morta sul sedile passeggero. L’assassino non ha chiamato subito i soccorsi ma è partito con l’auto e si è fermato a ponte Marconi ad un distributore della Tamoil. ”Ho ucciso mia moglie”, ha detto al benzinaio. Poco dopo è finito in manette. Per la donna non c’è stato nulla da fare. La pistola è stata sequestrata. Sul fatto indagano gli agenti del commissariato Esposizione, diretto da Francesco Zerilli.



Nicole e il compagno si erano sposati a Cuba qualche mese fa, un matrimonio che però non valeva in Italia e che mostrava i primi segni di crisi, tanto che dopo aver vissuto un po' di tempo a Cuba erano tornati in Italia e Nicole viveva a casa dei suoi genitori.