Caos a Grottarossa, lancio di petardi contro un centro di accoglienza: scoppia la protesta degli immigrati

Giovedì 8 Gennaio 2015 di Marco De Risi

Qualcuno, verso mezzanotte e mezza, ha lanciato dei petardi all’interno di una casa famiglia su via di Grossarossa, sulla Cassia, che ospita dei minori rifugiati politici.

Un fatto che ha avuto come conseguenza una protesta antirazzista improvvisata dai ragazzi del centro che hanno manifestato sulla strada gridando la loro rabbia. Trambusto fra i residenti che si sono rivolti alle forze dell’ordine.

«Abbiamo sentito dei boati spaventosi - commenta un cittadino che ha anche telefonato al giornale - e poi il rumore di persone che fuggivano».

Sul posto sono intervenuti alcuni equipaggi della polizia. Sono gli agenti del commissariato Flaminio Nuovo che si occupano del caso. E’ possibile che si tratti dell’ennesimo episodio di violenza contro gli immigrati nei quartieri romani. «Già in altre occasioni - questo il commento di uno dei responsabili della casa famiglia - è successo la stessa cosa». Pochi giorni fa, appunto, qualcuno aveva lanciato dei petardi nelle finestre del centro di via di Grotta Rossa.

A protestare, stanotte subito dopo l’aggressione, una trentina di immigrati, stanchi di essere bersagliati dagli sconosciuti che hanno lanciato i petardi. Nessuno è rimasto ferito. Sugli episodi è stata aperta un’indagine dalla Procura. La protesta è durata una ventina di minuti, poi i ragazzi sono rientrati nel centro.

Ultimo aggiornamento: 03:48

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Iscrizione a scuola, la regola aurea per decidere senza discutere

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma