Covid, «Quarantena finita, fateci uscire», migranti in rivolta nel centro di accoglienza a Rocca di Papa

foto
Rivolta nel centro di accoglienza di Rocca di Papa. Dalle prime ore del mattino si stanno verificando disordini nella struttura "Mondo Migliore", che ospita circa 300 immigrati, di cui 28 erano risultati positivi al Covid, alcuni dei quali erano già stati trasferiti all'ospedale romano del Celio. Questa mattina alle 7 la polizia di Frascati, il reparto mobile della questura di Roma, alcune pattuglie di carabinieri e la polizia locale (circa un centinaio di operatori) sono dovuti intervenire per contenere la protesta di circa una trentina tra uomini e donne, nigeriani e gambiani, che volevano uscire dal centro di accoglienza sulla via dei Laghi, gridando che per loro era finita la quarantena.

Rocca di Papa, polizia centro accoglienza Mondo Migliore: migranti positivi trasferiti al Celio

Hanno spintonato gli uomini della sicurezza e cercato di uscire per forza dalla struttura, sono quelli risultati negativi al secondo tampone e che attendevano l'esito del terzo tampone fatto alcuni giorni fa. Disagi anche al traffico. Sul posto si è recata la sindaca di Rocca di Papa, Veronica Cimino, che ha chiesto al prefetto di trasferire subito tutti i contagiati al covid19 e i facinorosi in fretta in altri posti più sicuri e adeguati. Alcune ambulanze del 118 sono presenti sul posto, e si attendono altri rinforzi dalla questura Roma per fronteggiare meglio la protesta. Il direttore del Centro, Domenico Alagia sottolinea: «La situazione è ora sotto controllo grazie al pronto intervento degli operatori sociali e degli uomini della sicurezza interna e delle forze dell'ordine, che questi 30 facinorosi che volevano uscire sono stati fermati e calmati. Ed ora piano piano stanno rientrando negli spazi dove sono alloggiati. (Foto Luciano Sciurba)
 

ALTRE FOTOGALLERY DELLA CATEGORIA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani