CORONAVIRUS

Rieti, coronavirus, la solidarietà
dei reatini scende in strada

Mercoledì 1 Aprile 2020 di Daniela Melone

RIETI - La solidarietà scende in strada, anche nel centro di Rieti per l'emergenza coronavirus. "Chi può metta, chi non può prenda" è la scritta che si legge sulla serranda di un negozio in via Falcone, nei pressi del Tribunale. Pacchi di pasta, latte, scatole di legumi o pomodoro. 

Qualche cittadino di buon cuore ha già lasciato generi alimentari sui due tavolinetti posizionati davanti al negozio di articoli sportivi Aimone, che ha promosso l'iniziativa insieme al ristorante Il Coccio. La citazione è invece quella, ormai nota, di San Giuseppe Moscati, medico santo che raccoglieva offerte da donare ai bisognosi.
L'appello è rivolto a chi ha di più e può far del bene a chi invece sta vivendo grandi difficoltà. Un piccolo banco allestito per offrire qualcosa a tutti coloro che ne hanno bisogno. 

«Chiunque voglia - spiegano dalla pagina facebook de Il Coccio -  può portare generi alimentari non deperibili, chi invece ha bisogno può andare a prenderli in qualsiasi orario. Non ci sarà nessuno che controllerà».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani