Sms solidali per il terremoto: Pirozzi in Procura a Rieti, Saieva: bolla di sapone

Lunedì 25 Settembre 2017
57

Prima di sentire come persona informata dei fatti il sindaco di Amatrice, il procuratore capo di Rieti ipotizza che l'inchiesta sugli sms solidali per la ricostruzione dal terremoto finirà in «una grande bolla di sapone». La previsione di Giuseppe Saieva sulla base delle notizie di stampa dopo la denuncia di Sergio Pirozzi, secondo il quale «non un solo euro dei milioni delle donazioni dal cellulare é arrivato ad Amatrice o ad Accumoli. Hanno ingannato gli italiani». «Neppure un euro donato é sparito», ha risposto invece la Protezione civile, i soldi sono stati destinati ad altri progetti.

E Saieva oggi dichiara: «Se i fondi raccolti sono finiti nella casse della Protezione civile, il fatto si rivelerà una grande bolla di sapone». Il sindaco del Comune devastato dal sisma del 24 agosto 2016 ha provocato una polemica anche politica, alimentata dalle voci di una sua prossima candidatura alla guida della Regione Lazio con il centrodestra, voci finora mai confermate da Pirozzi. Ma oggi, dopo aver detto di «aspettarsi la contraerea», é andato in procura a Rieti - indosso felpa rossa con la scritta Amatrice e scarponi da montagna - con l'avvocato per ripetere quanto dichiarato alla festa di Atreju di Fratelli d'Italia. «Mi sono fatto portavoce dell'indignazione degli italiani, di chi mi ha scritto e di chi mi ha fermato per strada - così Pirozzi uscendo dalla procura -. Di coloro che quando hanno versato i soldi intendevano darli ad Amatrice. Chi decide non è mai sprovveduto, è sbagliato da un punto di vista morale. Abbiano il coraggio - ha aggiunto il sindaco di Amatrice - di dire che la cosa era tecnicamente giusta ma moralmente sbagliata. Se la chiudono, bene così. Abbiamo saputo che la scuola di Collevecchio sarà stralciata».

È un Comune reatino fuori dal cratere del sisma, a cui sono stati destinati fondi per ristrutturare una scuola, che però non sarà stralciata dagli interventi, precisa in seguito la Regione Lazio. Per il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri «gli sms sono parte di uno scandalo più grande» e «la denuncia di Pirozzi esige una risposta sia politica sia penale». Gasparri dice di aver presentato esposti alla magistratura, anche a Roma. Critici con il sindaco di Amatrice invece gli esponenti del Pd, che riprendo l'espressione sulla «bolla di sapone» di Saieva. «Abbiamo aperto un fascicolo modello 45 - dice il procuratore di Rieti -, nell'ambito del quale possiamo fare qualche ricerca di notizia criminis se c'è, sennò si manda direttamente in archivio».

L'ipotesi é che notizie di reato non ce ne siano. Il procuratore fa il punto sulle indagini sul terremoto: due i filoni giunti agli avvisi di conclusione indagini che preludono alla richiesta di rinvio a giudizio, per il crollo del campanile di Accumoli che sterminò marito moglie e due figli piccoli e per la caduta di due edifici di case popolari in piazza Sagnotti ad Amatrice. Per tutti «abbiamo individuato responsabilità costruttive e di scelta dei materiali», dice Saieva. Su una terza palazzina Ater é in corso la chiusura indagini. Per i contributi di autonoma sistemazione (Cas) ai terremotati, invece, oltre cento gli accertamenti fatti con alcuni casi di liquidazione non dovuta.
 

Ultimo aggiornamento: 26 Settembre, 14:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La doppia vita dei prof? Basta andare sui social

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma